Il 13/2/1861 tramonta il Regno delle Due Sicilie

0

Il 13 febbraio 1861 alle ore 18:30 nella villa reale Caposele a Mola di Gaeta venne firmato l’armistizio che poneva fine all’assedio di Gaeta e al Regno delle Due Sicilie. Dopo cento giorni di combattimenti e un continuo e pesante bombardamento ad opera delle truppe sabaude comandate dal Generale Enrico Cialdini, Francesco II di Borbone decise di porre fine alla difesa del Regno.

Qualche mese prima il Re Franceschiello e la consorte Maria Sofia di Baviera avevano lasciato Napoli per rifugiarsi a Gaeta e proseguire la resistenza. La volontà dei sovrani era di risparmiare danni alla capitale.

La capitolazione fu racchiusa in un documento che il giorno dopo fu trasmesso da Cialdini a Cavour. Il “cessate il fuoco” prevedeva la consegna di tutte le armi, viveri e depositi e l’uscita delle truppe borboniche dalla piazzaforte con l’onore delle armi.

Il giorno successivo Francesco II, l’ultimo sovrano del Regno delle Due Sicilie, partì per l’esilio a Roma ospitato al Quirinale da Papa Pio IX.

Share.