Sanità, caso Nola: dichiarazione del Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca

Pubblicato in Attualità
Mercoledì, 11 Gennaio 2017 17:38

"Nola, operazione verità. Rispetto e gratitudine per il personale medico. Individuazione rigorosa di ogni responsabilità. Se c'è uno che ha tutelato il personale medico impegnato ogni giorno e ad ogni ora in trincea nei nostri ospedali, è il Presidente della Regione. Dal lavoro fatto insieme al Cardarelli per eliminare le barelle all'apertura di cinque Pronto Soccorso senza i quali sarebbe stato il disastro, ai già mille nuovi assunti dopo nove anni di blocco del turn over: ecco chi sono gli amici dei medici, non chi fa chiacchiere senza aver fatto nulla. Riflettori accesi, faremo luce su ogni angolo della sanità campana". A dichiararlo il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

Dal Napoletano: Premio Felix-Città di Nola, al via la 14esima edizione

Pubblicato in Eventi
Venerdì, 11 Novembre 2016 15:32

Nola - Il "Premio Felix Città di Nola" giunge alla sua quattordicesima edizione. La manifestazione, come sempre promossa dall'associazione socio – culturale Gli Innamorati della Festa, si svolgerà presso la chiesa dei Santi Apostoli, venerdì 11 novembre, a partire dalle ore 18,30.

Il riconoscimento intende valorizzare quanti abbiano con il proprio talento e le proprie competenze, dato lustro alla città di Nola ed al territorio. Il Premio consiste in una simbolica campana di bronzo, con impresse le effigi di San Paolino, San Felice, e Giordano Bruno, forgiata dalle maestranze locali della fonderia Del Giudice. Secondo la tradizione, infatti, la campana ad uso liturgico sarebbe stata "inventata" proprio a Nola da San Paolino.

La manifestazione è inserita all'interno del cartellone dei festeggiamenti in onore di San Felice, primo Vescovo della città. Nel corso di questi anni, tanti i nomi illustri che nel campo della cultura, delle scienze, dell'arte, dello sport, hanno ricevuto il premio.

Per questa edizione la scelta è caduta su altrettanti profili di grande valore e qualità che si sono particolarmente distinti nelle rispettive attività. Si tratta del Procuratore della Repubblica di Nola, Paolo Mancuso, e di Giancarlo Franzese, fisico con docenza presso l'università di Barcellona.

Il primo, è magistrato di lungo corso che ha trattato i più significativi procedimenti di criminalità organizzata. Già nel 1983, da giudice istruttore, si è occupato del procedimento contro la "Nuova Famiglia". Assegnato alla Direzione distrettuale antimafia presso la Procura della Repubblica di Napoli, nel novembre del 1991, è stato tra i sostituti che hanno seguito fin dalle prime fasi, la collaborazione di Pasquale Galasso e la cattura prima e la collaborazione poi di Carmine Alfieri. Da otto anni è alla guida della Procura di Nola con una direzione di estremo attaccamento al dovere e ricco di importanti risultati. In particolare, la disarticolazione di importanti sodalizi criminali e l'arresto di storici e pericolosi latitanti. Importanti sono state anche le indagini volte al contrasto dei fenomeni di corruzione e indebito arricchimento nella pubblica amministrazione. Per l'intero territorio, la figura di Mancuso è un vero e proprio presidio di legalità e tutela della sicurezza cittadini.

Il secondo, è professore di Fisica e di Ingegneria Biomedica presso la Sezione di Fisica Statistica e Interdisciplinare del Dipartimento di Fisica della Materia Condensata dell'Università di Barcellona, dove guida un gruppo di ricerca teorica e computazionale sulla Materia Complessa dal 2003. Dottore di Ricerca in Fisica per l'Università Federico II di Napoli nel 1998, ha condotto le sue ricerche presso l'Istituto sulla Combustione del CNR (1993), il Dipartimento di Fisica dell'Università di Roma III (1998), il Centro per gli Studi dei Polimeri dell'Università di Boston (1999), il Dipartimento di Ingegneria della Seconda Università di Napoli (2001), il Centro per la Meccanica Statistica e la Complessità presso l'Istituto Italiano Nazionale di Fisica della Materia dell'Università "La Sapienza" di Roma (2002).

A porgere gli indirizzi di saluto saranno il sindaco di Nola Geremia Biancardi e l'assessore ai Beni culturali, Cinzia Trinchese. "Anche per quest'anno – afferma il cerimoniere del Premio Felix, Franco Nappi – abbiamo puntato su nomi di qualità che danno lustro al nostro territorio. E' questo l'obiettivo del Premio che intende fornire momenti in cui le eccellenze nolane possano confrontarsi con la città, affinché possano testimoniare le proprie esperienze per un' ulteriore momento di crescita della comunità".

La "Menzione speciale"sarà attribuita al Coro Diocesano di Nola, diretto dal maestro Don Mimmo De Risi. Istituito nel 1992, all'indomani della visita di Papa Giovanni Paolo a Nola, oltre ad animare le celebrazione eucaristiche più importanti svolge anche un'attività concertistica con un repertorio sia sacro che profano.

 

Malattia di Behcet: convegno e cena di beneficenza nel Napoletano

Pubblicato in Cultura
Lunedì, 23 Maggio 2016 14:07

Nola - Sorriso e speranza per non essere più soli: convegno e cena di beneficenza per la ricerca sulla malattia di Behcet, (una patologia rara di origine autoimmune, multifattoriale, che può portare gravi conseguenze a livello di ogni organo ed apparato ma principalmente cecità, sindromi neurologiche, gravi quadri di dolore cronico per interessamento muscolo-scheletrico).

Il 28 maggio 2016, a partire dalle ore 18.30, presso l'hotel Pamaran di Nola (Napoli), l'associazione Unitas realizza la seconda edizione della manifestazione "Hope and smile" in collaborazione con Simba Onlus, il cui ricavato sarà devoluto alla stessa associazione Simba.

L'associazione italiana sindrome e malattia di Behcet, Simba Onlus, si pone come primo obiettivo la diffusione delle informazioni sia ai pazienti che ai medici, siano essi di base che specialisti, della sensibilizzazione delle istituzioni e delle regioni al fine di creare nuovi centri di riferimento che garantiscano un trattamento uniforme su tutto il territorio nazionale, una diagnosi precoce, l'instaurarsi di protocolli terapeutici che si adeguino alle linee guida internazionali. Simba Onlus funge da punto di contatto fra i pazienti disseminati in tutta Italia ed i medici che possono seguirli ed aiutarli, aiuta ad uscire dall'anonimato ed a non sentirsi più soli.

La serata si svolgerà con un iniziale convegno medico e seguirà una cena sociale.

Al convegno del 28 maggio a Nola, hanno aderito medici esperti della malattia, tra cui 

- Dott. Luca Cantarini (Ricercatore in reumatologia dell'Università degli Studi di Siena) e dott. Antonio Vitale del centro di riferimento di Siena;

- Dott. Giuseppe Lopalco del centro di riferimento di Bari

- Dott.ssa Soriano del centro di riferimento di Reggio Emilia

- Dott. Simone De Silva dell' ospedale Moscati di Avellino.

Tra i relatori saranno poi presenti

Luciano Fuschillo: presidente Associazione UNITAS e Alessandra Del Bianco: presidente Associazione Simba Onlus di Firenze.

L'associazione Unitasè un'associazione socio culturale senza scopro di lucro con sede a Saviano (Na) formata da un gruppo di giovani che insieme hanno deciso di unirsi e adoperarsi per il bene altrui, in particolar modo per le persone più bisognose, infatti UNITAS si occupa di varie realtà tra cui: l'integrazione sociale di donne e bambini migranti in collaborazione con l' associazione il Pioppo Onlus; la distribuzione dei pasti per persone senza fissa dimora in collaborazione con la Comunità Sant'Egidio; la raccolta fondi a sostegno della ricerca della malattia di Behcet in collaborazione con Simba Onlus (www.behcet.it).

 

Nola: pompa di benzina truccata, sequestro della Guardia di Finanza

Pubblicato in Cronaca
Martedì, 07 Luglio 2015 12:35

Un impianto di distribuzione di carburanti taroccato, è stato sequestrato dalla guardia di finanza a Nola (Napoli), che ha anche denunciato per truffa e frode in commercio il gestore della struttura. Secondo quanto emerso dalle indagini condotte dalla fiamme gialle di Nola, al comando del capitano Luca Gelormino, l'impianto era stato manomesso, e gli automobilisti che si rifornivano al distributore, si vedevano addebitato un quantitativo di carburante mai effettivamente erogato: il surplus sul già 'caro benzina', era evidente già all'atto dell'estrazione della pistola erogatrice, quando sul display veniva evidenziato un importo variabile tra i 10 ed i 50 centesimi di euro. L'impianto di distribuzione, un multiservice dotato di otto pistole erogatrici, è stato sequestrato, mentre il gestore è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Nola per i reati di truffa e frode in commercio. La guardia di finanza è al lavoro per verificare se altri impianti del territorio abbiano adottato la forma di alterazione dei sistemi di erogazione, anche in vista del prossimo esodo estivo.

Salute e Benessere

Moda e Tendenze

Cerco Lavoro

Assunzioni di infermieri in Germania

Assunzioni di infermieri in Germania

89 aspiranti all'assunzione di infermieri in Ospedali di Amburgo (Germania) hanno partecipato staman...

da queste pARTI

JoomShaper