Finali Nazionali Under 19 di Bormio, la Sigma Aversa conquista l'accesso agli ottavi

Pubblicato in Sport
Venerdì, 12 Maggio 2017 14:05

BORMIO – La Sigma Aversa può festeggiare. La formazione Under 19 della società guidata dal presidente Sergio Di Meo ha conquistato infatti l'accesso agli ottavi delle Finali Nazionali che si stanno disputando a Bormio e oggi pomeriggio proverà a dare ulteriore linfa ad un sogno. La fase eliminatoria si è chiuso con una vittoria e due sconfitte ma la classifica avulsa ha premiato i normanni che sono arrivati terzi nel girone A ottenendo quindi il pass per la seconda parte del torneo.
L'esperienza a Bormio si è aperta col botto nel magnifico impianto della cittadina della provincia di Sondrio, il PalaPentagono. Nessuna gara, in queste competizioni, è facile ed infatti è servita una prova tutta cuore ed orgoglio alla Sigma Aversa per avere la meglio sulla eDotto Foligno. E' stato un match molto equilibrato e tirato che ha visto la squadra guidata dagli allenatori Giuseppe Scognamiglio e Pasquale Marrone e dal direttore tecnico Ignazio Nappa imporsi addirittura 15-13 al tie-break. Nella seconda sfida l'Under 19 della Sigma Aversa si è ritrovata di fronte due vice campioni d'Europa, il centrale Lorenzo Cortesia e il palleggiatore Lorenzo Sperotto. Entrambi giocano infatti nel Volley Treviso, squadra campione d'Italia in carica nella categoria e non a caso fanno la differenza anche contro i normanni. I trevigiani vincono 3-0 ma la Sigma Aversa ha cercato di tenere testa agli avversari soprattutto nei primi momenti del match, poi complice anche la stanchezza è stata costretta a cedere l'intera posta in palio. Stamattina (12 maggio) la Sigma non è riuscita a fermare la corazzata Lombarda Motori Vero Volley arrendendosi 3-0 al termine però di un match giocato in maniera esemplare dai normanni. Il divario tecnico probabilmente c'è ma i guerrieri aversani hanno tenuto testa agli avversari riuscendo a dimostrare di poter giocarsela alla pari. Dagli altri campi però sono arrivati risultati favorevoli ai normanni e quindi si è potuto festeggiare l'accesso agli ottavi.

La Serie A della pallavolo campana si unisce: Sigma Volleyball Aversa e VolAlto Caserta danno vita al ‘Consorzio CampAnia Volley’

Pubblicato in Sport
Mercoledì, 03 Maggio 2017 15:31

Unione, non divisione. Passione, non speculazione. La Serie A del volley campano si 'fonde' e lancia un messaggio importante allo sport: lavorare insieme per essere più forti. Apre una strada. Realizza un progetto che si chiama 'Consorzio CampAnia Volley', e del quale fa parte la Sigma Volleyball Aversa del presidente Sergio Di Meo e la VolAlto Caserta del massimo dirigente Carlo Barbagallo. Ieri sera (2 maggio 2017) le due più importanti realtà pallavolistiche della Regione hanno deciso di unire le loro forze davanti al notaio Patrizio Raffaele D'Angiolella, grande sostenitore dello sport. Cercando sinergie per crescere, per migliorare e sviluppare le loro attività. Il 'Consorzio CampAnia Volley' rappresenta una interessante novità per il panorama sportivo regionale e italiano. E' un progetto che deve aiutare a pensare in grande. E anche a superare i campanilismi. Per coinvolgere di più il territorio e soprattutto i giovani. Si tratta di un'idea innovativa in Italia per la promozione del volley attraverso la creazione di una struttura di coordinamento leggera, che sia in grado di aiutare anche le società più piccole a migliorare le proprie performance e a far crescere nuovi campioni campani. Il 'Consorzio CampAnia Volley' ha un grande significato: per le realtà che vogliono sostenere queste società sportive, per le aziende che ricercano nuove forme di visibilità, per il tessuto sociale e per il valore che la promozione sportiva ha per i giovani. Dunque, un'importante opportunità di crescita collettiva.
"Il Consorzio è un punto epocale della storia della pallavolo campana - esordisce raggiante il presidente della Sigma Volleyball Aversa Sergio di Meo – visto che ci ritroviamo a creare qualcosa di unico in Italia con un progetto tanto ambizioso quanto generoso. Potevo condividere questo onore solo con un imprenditore e un uomo di sport come Carlo Barbagallo che reggerà con me le sorti di questa nuova creatura. Il mio augurio è che il Consorzio possa essere la casa di chi ama il volley e lo sport in Campania. Siamo, inoltre, orgogliosi di aver dato vita ad una grande sinergia che speriamo possa portare il nostro territorio agli onori della cronaca quale esempio positivo di sport e organizzazione. Un grazie e un invito va, infine, ai nostri sponsor presenti e futuri, con i quali ci auguriamo di poter condividere questo entusiasmante cammino". Il presidente Di Meo racconta poi un aneddoto riguardo la nascita del 'Consorzio CampAnia Volley': "L'idea è nata quasi per caso. Ero in viaggio con la mia famiglia verso Civita Castellana per assistere al match della Pool Promozione della Sigma Aversa e mi fermo all'autogrill. Dopo aver preso il caffè esco per avvicinarmi all'auto ma da lontano vedo proprio Barbagallo con l'allenatore rosanero Bonafede (diretti a Firenze per la Final Four). Dopo i saluti ci siamo lasciati con una promessa: 'Dobbiamo fare qualcosa insieme'. E le persone di sport fanno così: alle parole fanno seguire i fatti".
"Quello che abbiamo sottoscritto con la Volleyball Aversa è un accordo per certi versi storico – afferma il numero uno della società rosanero Carlo Barbagallo -. Mai due società campane di serie A avevano deciso di unire le loro forze, fare sinergia, mettere a disposizione le loro rispettive competenze per perseguire con rinnovata forza ed entusiasmo obiettivi ora sempre più comuni: la crescita del nostro territorio attraverso lo sport, l'ulteriore crescita e rafforzamento di due splendide realtà quali sono Aversa e la VolAlto. Come ben sapete l'idea del Consorzio è sempre stata un mio pallino. In realtà economiche come le nostre, solo l'unione di intenti ci rende più forti, più competitivi. Ho esposto il mio progetto a Sergio Di Meo verso il quale esiste un rapporto di stima ed affetto reciproco. Una volta incassato il suo entusiastico consenso, abbiamo messo su carta tutte le nostre idee, intrapreso un proficuo percorso programmatico che ci ha portato, infine, alla firma davanti al notaio ed alla nascita del "Consorzio CampAnia Volley". Ma va sottolineato che lo scopo principale del Consorzio, è quello di promuovere il volley in tutta la Campania con l'obiettivo di far affiliare quante più società possibili, quindi non va vista come un'iniziativa Provinciale, bensì come un'iniziativa regionale, al fine di provare a portare la Campania al vertice del volley nazionale nel giro di pochi anni, non badando a personalismi, ma proiettandosi sempre e soltanto nello sviluppo del nostro sport".
CampAnia Volley sarà completamente finanziato dalle due società fondatrici che verseranno di stagione in stagione una quota percentuale della raccolta sponsor stagionale.
Il consorzio si pone come nuovo interlocutore nei confronti di Federazione, Coni, istituzioni scolastiche, PA in genere, con l'obiettivo di coagulare intorno al proprio nome gli interessi di società grandi e piccole molto spesso impossibilitate a mantenere un adeguato livello di interlocuzione con i vari soggetti che entrano in gioco per assicurare ai propri tesserati anche le condizioni minime di una corretta pratica sportiva.
CampAnia Volley nasce per assicurare al movimento pallavolistico campano un ulteriore opportunità di crescita che si affianca e non sostituisce in alcun modo l'ottimo lavoro svolto dalla rete federale e dai comitati olimpici. Saranno proposti percorsi formativi e consulenziali gratuiti sui principali temi di interesse delle società: formazione tecnica; formazione gestionale; valorizzazione dei prospect; marketing e comunicazione; centro acquisti; acquisizione e gestione degli impianti; progetti agevolati; fundraising; organizzazione eventi collegiali; infrastrutture condivise. Ma non sarà solo sport. CampAnia Volley è anche solidarietà sportiva, promozione territoriale e cultura, con la valorizzazione di artisti campani per tutte le attività legate ai propri eventi: quali la realizzazione di trofei e la promozione di attività di intrattenimento nei programmi extra sportivi.

L’Under 19 della Sigma Aversa è campione regionale: i normanni volano alle finali nazionali di Bormio

Pubblicato in Sport
Lunedì, 10 Aprile 2017 09:30

AVERSA – La Sigma Aversa è campione regionale Under 19. Il club normanno batte nell'ultimo atto della Final Four della Regione Campania il Volley World Napoli e vola direttamente a Bormio dove a metà maggio si terranno le finali nazionali che mettono in palio lo scudetto di categoria. Prova eccezionale della squadra del presidente Sergio Di Meo e del direttore tecnico Ignazio Nappa, allenata dai tecnici Scognamiglio e Marrone, che suda le fatidiche sette camicie per prevalere sui napoletani ma al termine di un match tiratissimo può far esplodere di gioia il 'PalaJacazzi' vestito a festa per la manifestazione.
PRIMO SET. La Sigma Aversa parte subito fortissima con un break da urlo col tabellone che riporta il risultato di 4-0. La squadra partenopea prova a rientrare (5-4) ma è Cefariello, l'opposto normanno, a fare la voce grossa passando nel muro (7-5). A pareggiare a 8 è Avino che passa in diagonale. I ragazzi di coach Scognamiglio però hanno il sangue negli occhi: nuovo break e +4 (16-12). Sul 18-14 il tecnico del Volley World chiama time-out per fermare il momento positivo dei padroni di casa. Attacco da applausi e poi muro di Cefariello e il vantaggio aumenta (22-17). Dopo l'attacco a rete dello schiacciatore napoletano Aversa conquista 5 set point (24-20). Napoli ne annulla solo uno ma l'invasione del muro regala il parziale ai ragazzi del presidente Sergio Di Meo (25-21).
SECONDO SET. Equilibrio nelle prime battute del secondo parziale. Primo doppio vantaggio della Sigma Aversa con Cefariello che trova una diagonale stretta per il 7-5. Ma si va punto a punto e il tabellino a metà set indica parità assoluta (12-12). E' una sfida anche di nervi e il primo che crolla può rischiare di lasciare andare l'avversario. La prima squadra ad arrivare a 20 punti è quella normanna. Ha due punti di vantaggio sugli avversari e per non lasciare nulla di intentato coach Basile chiama time-out cercando di scuotere i suoi atleti. Al rientro in campo Cefariello traccia un solco con una sua bomba che colpisce il muro e addirittura tocca la parte alta del 'PalaJacazzi'. E' 22-18 e seconda sospensione chiesta dal tecnico del Volley World Napoli. Due punti di fila dei partenopei e questa volta a chiamare time-out è coach Scognamiglio. Cefariello regala tre set point (24-21). Ed è sempre l'opposto normanno a garantire il 2-0 col punto del 25-22.
TERZO SET. Il Volley World parte meglio riuscendo a conquistare 2 punti di vantaggio ma la Sigma non molla e trova il pari a 8. Il muro di Botti porta i partenopei al massimo distacco del match (9-12). Aversa recupera lo svantaggio e pareggia a 13 prima di portare avanti la contesa punto su punto. Sorpasso a 16 quando Cefariello trova le mani del muro facendo esplodere di gioia i presenti nel palazzetto della città dell'Arco dell'Annunziata. I punti tra le due squadre diventano 3 quando il primo arbitro Luca D'Ario mostra il cartellino rosso ai ragazzi di coach Basile (18-15). Aversa riesce ad avere anche 4 punti dagli avversari (20-16) ma si fa rimontare e poi superare (20-22) dopo un break di 6 punti chiuso dal time-out di Scognamiglio. La Sigma alza il muro e stampa il pareggio a 22. Ma a volare a Bormio è la squadra che vuole di più il trofeo: Giordano chiude il set 25-23 e fa esplodere di gioia tutti i tifosi aversani presenti sugli spalti.
SIGMA AVERSA – VOLLEY WORLD NAPOLI 3-0 (25-21; 25-22; 25-23)
SIGMA AVERSA: Silvestro, Limongello, Di Biase, Cefariello, Auriemma, Malanga, Sarno, Giordano, Gengaro, Monda (L), Cufino, La Piccirella (L2), Famoso, Simonelli, Marrone. All. Scognamiglio. Secondo all. Marrone
VOLLEY WORLD NAPOLI: Botti, Tieri, Celozzi, Faenza, Ammirati, Ruggiero, Giordano, Riccio, Marra (L), Cocozza, Aquino, Avino, Ammendola. All. Basile. Secondo all. Conte
ARBITRI: Luca D'Ario di Avellino e Giovanni Izzo di Benevento

A Reggio Emilia la Sigma Aversa chiude la sua stagione: annata eccezionale, indimenticabile e storica

Pubblicato in Sport
Martedì, 21 Marzo 2017 08:24

REGGIO EMILIA – La stagione della Sigma Aversa si chiude con una sconfitta che però non può assolutamente cancellare un'annata assolutamente indimenticabile. Al ritorno in Serie A la formazione normanna riesce a compiere una vera e propria impresa conquistando l'obiettivo della salvezza e garantendosi la possibilità di giocare con le migliori formazioni italiane nella Pool Promozione. Mesi di storia per la squadra del presidente Sergio Di Meo che entra di diritto negli annali della pallavolo campana. Tra qualche anno si ricorderà il gruppo costruito dal direttore sportivo Alberico Vitullo e guidato dagli allenatori Pasquale e Alfonso Bosco. Un team formato da Antonio De Paola, Fabio Di Florio, Andrea Santangelo, Marco Vacchiano, Pedro Luiz Putini, Leonardo Razzetto, Enrico Libraro, Marcelo Hister, Gabriele Attanasio, Gabriele Robbiati, Matteo De Rosas, Riccardo Valla, Vincenzo Montò, Mario Giacobelli.
PRIMO SET. La gara si apre con l'ace di Kody (confermato dal video check). Che si ripete pochi secondi dopo ed è subito 2-0. La Sigma però alza il muro e con De Paola sigla il 4-4. Due pipe di fila di Dolfo e la Conad torna avanti di 2 (6-4). Sul 9-5 la prima sospensione della gara: è chiesta da coach Bosco. E c'è immediata reazione: attacco out di Kody mentre è dentro quello di Libraro (10-10). I padroni di casa piazzano però subito un break chiuso dall'ace di Dolfo per il 15-11. Quando il tabellone riporta 17-12 il tecnico normanno richiama i suoi in panchina. Ma quando Reggio Emilia trova il ventesimo punto con Kody ci sono ancora 5 punti da rimontare. E' sempre l'opposto cubano emiliano a passare per il 24-17. Sette set point. Chiude Gargioli: 25-18.
SECONDO SET. Nel secondo parziale la Sigma Aversa riesce a restare aggrappata agli avversari fino al muro a tre della Conad su De Paola per il 9-6. Giacobelli chiude ogni spiraglio a Kody bloccando l'attacco dell'avversario per l'11-10. Sulla doppia di Soli il risultato torna in parità a 12 e coach Dall'Olio chiama 'discrezionale'. Al rientro in campo Libraro però passa sul muro in diagonale e strappa il sorpasso. Arriva però il break di Reggio Emilia che torna nuovamente avanti (18-15) costringendo il tecnico ospite a chiamare time-out. Il vantaggio dei ragazzi di Dall'Olio aumenta fino al +6 (23-17). Gargioli al centro trova l'angolino giusto per il 24-18. Aversa annulla tre set point ma ci pensa Kody (26 punti in appena 2 set) a far cambiare campo con un preciso pallonetto da '2' in '4': 25-21.
TERZO SET. Si parte a suon di cambi palla fino al 7-7. Poi ci pensa Razzetto (lanciato nella mischia ad inizio parziale da coach Bosco) a sfruttare una difesa errata della Conad per il 7-9. E subito Dall'Olio corre ai ripore: time-out. Ci pensa però ancora Kody a rimettere le cose al proprio posto: diagonale non difeso da Aversa e sorpasso 11-10. Contro break normanno e grazie al muro di Razzetto e all'ace di Hister la Sigma torna +3 (11-14). E quando il tecnico di Reggio Emilia chiama 'tempo' il tabellone riporta 14-17. Reggio Emilia arriva -1 (19-20) costringendo il tecnico Bosco a chiedere maggiore attenzione ai propri ragazzi. La gara torna in equilibrio a 21. E' sempre l'opposto di 2.13 a fare la differenza: suo anche il 24-22. I tre punti vengono regalati a Reggio Emilia da Scaltriti: mani e fuori per il definitivo 25-22.
CONAD REGGIO EMILIA – SIGMA AVERSA 3-0 (25-18; 25-21; 25-22)
CONAD REGGIO EMILIA: Suljagic ne, Norbedo 1, Miselli ne, Soli 1, Dolfo 14, Cargioli 5, Beccaro, Bevilacqua ne, Kody 37, Rossatti, Silva 1, Scaltriti 1, Morgese (L). All. Dall'Olio. Secondo all. Zamboli
SIGMA AVERSA: De Paola 2, Di Florio, Santangelo 15, Vacchiano (L), Putini 1, Razzetto 1, Libraro 10, Hister 6, Attanasio ne (L2), Robbiati 1, Valla ne, Montò, Giacobelli 7. All. Bosco Pasquale. Secondo all. Bosco Alfonso
ARBITRI: Alessandro Somansino di Teramo e Roberto Pozzi di Alessandria

La Sigma Aversa si congeda dal 'PalaJacazzi' con una straordinaria vittoria: successo da urlo con Spoleto

Pubblicato in Sport
Giovedì, 16 Marzo 2017 09:04

AVERSA – A testa altissima. La Sigma Aversa si congeda dal 'PalaJacazzi', nell'ultima partita casalinga della Pool Promozione, con una sontuosa gara contro la Monini Spoleto. Gli splendidi tifosi verdeblu vengono salutati con una vittoria al tie-break che vale come promessa: l'anno prossimo ci divertiremo ancora di più. E punteremo ancora più in alto. Straordinaria prova dei normanni che dimostrano, ancora una volta, che basterà veramente poco per rendere ancora più competitiva questa squadra. La stagione si chiuderà lunedì prossimo a Reggio Emilia. Non sarebbe bello chiuderla con una vittoria?
PRIMO SET. Primo punto dell'incontro che porta la firma di Giacobelli: ricezione perfetta di Vacchiano e alzata al centro per il napoletano che non sbaglia. E' sempre con un centrale, questa volta Robbiati, che la squadra del presidente Di Meo prova a tracciare subito un solco tra sé e la squadra avversaria (5-2). Ma non ci riesce perché la Monini alza il muro e sbaglia poco trovando il pari a 9. Il muro di Zamagni regala il sorpasso a Spoleto (9-10). L'ace di Festi invece il +2 (10-12). Il vantaggio ospite aumenta fino al 12-17 quando coach Bosco chiama time-out per cercare di sbloccare i suoi ragazzi. Ma non c'è reazione: il muro di Bargi su Giacobelli porta la contesa sul 13-20. Quello di Joventino regala il +8 agli umbri (13-21). Attacco out di Santangelo e 8 set point per la squadra di Provvedi. Ne viene annullato uno ma non il secondo: Hister 'spara' fuori e si chiude 17-25.
SECONDO SET. Grande equilibrio nel secondo parziale fino all'ace di Robbiati che porta la Sigma in vantaggio di due lunghezze (7-5). Ma la Monini non molla e prima trova il pari e poi il sorpasso (8-9). Ci pensa lo schiacciatore Mariano a regalare ai suoi un doppio vantaggio (12-14) trovando lo spazio nel muro normanno. L'allenatore di Aversa richiama all'ordine la sua squadra con un time-out. E c'è il cuore che è più forte di ogni differenza tecnica: pipe di Libraro con alzata perfetta di Putini che lascia lo schiacciatore senza muro per il 19-19. Santangelo però non è in giornata e quando in diagonale tira fuori il tabellone indica che Spoleto è avanti di 2 (20-22). Sul muro e fuori di Segoni gli ospiti conquistano 3 palle per il 2-0. Ne basta uno: muro di Zamagni e 21-25.
TERZO SET. Parte meglio la Sigma Aversa che riesce subito a conquistare un +2 (5-2). Quando Giacobelli trova l'ace, spinto dal caloroso pubblico del PalaJacazzi, i normanni sono avanti di tre (11-8). Robbiati stoppa l'attaccante umbro e aumenta il vantaggio costringendo coach Provvedi a chiamare time-out. Santangelo prova a dare la scossa prima con un servizio vincente e poi con una parallela per il 15-11. Fallo di rotazione della Monini e successivo attacco out spoletino portano Libraro e compagni ad avere 6 punti di vantaggio (18-12). Poi si va punto a punto. Quando i padroni di casa siglano il ventiquattresimo punto hanno ben 7 punti di vantaggio da amministrare. Sulla battuta out di Mariano si gira campo: 25-18.
QUARTO SET. La Monini riesce quasi immediatamente a trovare un doppio vantaggio che poi gestisce fino al 5-7 quando Libraro sale in cielo per due volte consecutive riuscendo a ristabilire nuovamente la parità. Coach Provvedi chiama time-out quando vede la sua squadra soffrire l'attacco a tre normanno (9-7). Al rientro in campo Giacobelli è insuperabile a muro: stoppato Joventino (10-7). Santangelo imita il compagno di squadra per il 14-10. Break terrificante di 5 punti dei normanni e 19-10. Sulla battuta larga di Segoni la Sigma conquista il ventesimo punto (20-13). Muro di Robbiati e +8 (22-14). Show del centrale di Robbio nel finale di set: muro 'gigantesco' per il 24-14. Chiude Libraro: 25-15. La sfida si deciderà al tie-break.
QUINTO SET. Subito 2-0 grazie all'ace di Giacobelli. Il 3-0? Questione di secondi. Ci pensa Robbiati a muro. Due primi tempi di fila di Vanini della Monini e due volte il centrale normanno ferma l'attacco avversario. Sul 4-0 Provvedi chiama time-out. Ma il vantaggio normanno aumenta: 7-2. Nel momento decisivo del match arriva un break spoletino (3-0) fino al 7-5. Al cambio campo i padroni di casa hanno tre punti da amministrare. La prima squadra ad arrivare a quota 10 è quella di Di Meo con Giacobelli che trova il tempo giusto per chiudere il primo tempo (10-7). Il set è ormai scritto: al PalaJacazzi si deve chiudere con una vittoria. Che arriva quando Spoleto attacca out: finisce 15-9.
SIGMA AVERSA – MONINI SPOLETO (17-25; 21-25; 25-18; 25-15; 15-9)
SIGMA AVERSA: De Paola ne, Di Florio, Santangelo 18, Vacchiano (L), Putini, Razzetto ne, Libraro 18, Del Piano ne, Hister 14, Attanasio ne (L2), Robbiati 10, Valla ne, Montò ne, Giacobelli 8. All. Bosco Pasquale. Secondo all. Bosco Bosco Alfonso
MONINI SPOLETO: Morelli ne, Bargi 12, Mariano 15, Festi, Vanini 1, Iaccarino ne, Garofalo, Zamagni 13, Monopoli ne, Marta ne (L2), Joventino 7, Segoni 18, Bertoli ne, Romiti (L). All. Provvedi. Secondo all. Arcangeli Conti
ARBITRI: Palumbo e Stancati di Cosenza

La Sigma Aversa non si arrende e si prepara a 7 battaglie, il presidente Di Meo: "Continuiamo a sognare, lottiamo per chi continua a credere nel progetto"

Pubblicato in Sport
Martedì, 21 Febbraio 2017 13:48

AVERSA – La Sigma Aversa, dopo le ultime opache prestazioni, serra le fila e si prepara al rush finale intensificando il lavoro tecnico.
Il punto di forza di questa esaltante, infatti, è stato il gruppo, che si è dimostrato sempre unito nei momenti di gioia ma soprattutto in quelli di difficoltà. Di comune accordo tra il presidente Sergio Di Meo, il direttore sportivo Alberico Vitullo, l'allenatore Pasquale Bosco e i giocatori guidati da capitan Enrico Libraro si è deciso di annullare ogni forma di permesso e di sfruttare al massimo il poco tempo disponibile per le sessioni tecniche, allenandosi in pratica tutti giorni. Anche perché giovedì prossimo c'è già un'altra battaglia da combattere.
Si farà tutto il necessario per dare degna chiusura a un campionato eccezionale, che ha visto la qualificazione alla Coppa Italia di Serie A2 e l'inatteso piazzamento in zona promozione: due sogni divenuti realtà per la società di Sergio Di Meo. Un filotto di 6 vittorie che ha portato la Sigma Aversa a farsi conoscere in tutta Italia. E' da questi punti certi e dall'immenso lavoro portato avanti per raggiungere questi obiettivi che bisogna ripartire in questo periodo non proprio positivo. Bisogna lottare, sudare la maglia e onorare la città, rialzando la testa e sfoderando una grande prova già nella prossima trasferta a Spoleto contro la Monini. Poi restano altre 6 gare, è chiaro che si è alzato, e non di poco, il valore tecnico delle avversarie, ma i giochi non sono ancora fatti e, se le sconfitte fanno parte dello sport, questo non significa che non si debba rincorrere ogni pallone per tutto il campo.
"Sono felice di aver trovato riscontro alla mia delusione a tutti i livelli societari, ritengo infatti un nostro preciso dovere verso gli sponsor, che hanno fortemente creduto in questo progetto, e il pubblico, che non ci ha mai fatto mancare il sostegno, quello di dover lottare fino all'ultimo pallone di questa Pool Promozione. Daremo l'anima per continuare a sognare – afferma il presidente Sergio Di Meo – perché questa squadra ha qualcosa che in tante non hanno: il cuore. I ragazzi lo hanno dimostrato durante il campionato superando ogni ostacolo, cancellando brillantemente anche i 'danni' causati dalla poca fortuna e dagli infortuni. Continuo a credere in questi giocatori e in chi ama veramente la Sigma Aversa. Questi colori meritano il rispetto e l'impegno di tutti, perché questa società e questa squadra sono già nella storia della pallavolo campana e possono fare ancora meglio. Da matricola terribile possiamo meritarci ancora altri applausi da parte dell'Italia del volley, per questo abbiamo deciso di fare tutto il possibile per tenere alta la concentrazione e ricompattarci per uscire dal campo senza rimpianti".

LUNCH MATCH INDIGESTO PER LA SIGMA AVERSA, LA CALONI AGNELLI BERGAMO PASSA 3-0

Pubblicato in Sport
Lunedì, 20 Febbraio 2017 14:12

AVERSA – Nel lunch match della terza giornata della Pool Promozione della Serie A2 Unipol Sai la Sigma Aversa non riesce a sovvertire il pronostico ed è costretta ad uscire dal campo sconfitta con la Caloni Agnelli Bergamo. Al PalaJacazzi i lombardi riescono a passare 3-0 con una prestazione quasi perfetta. I normanni del presidente Sergio Di Meo devono ancora rinviare l'appuntamento con il successo. Giovedì si ritorna in campo: alle 20.30 la sfida con la capolista del girone, il Monini Spoleto. E in Umbria servirà una vera e propria impresa.
PRIMO SET. Subito punto di Luppi e muro di Erati e gli ospiti sono avanti 0-2. Reazione immediata della Sigma Aversa che piazza un break di 3 punti per il sorpasso. E' una sfida apertissima con Santangelo che ha il braccio caldissimo. Sul 7-7 ha già messo a segno 4 punti. Sul 9-7 per i normanni coach Graziosi sfrutta il primo time-out. Il punto del pareggio a 11 con l'ace di Luppi. La Caloni Agnelli Bergamo poi trova un momento positivo con Cavuto al servizio e l'ace dello schiacciatore che vale il 13-16 costringe coach Bosco a richiamare in panchina i suoi ragazzi per trasmettere calma. L'impresa è possibile. Al rientro in campo infatti anche Robbiati trova il servizio vincente e poi Jovanovic attacca sull'asta e si torna in parità (17-17). Manca però il sorpasso e i lombardi ne approfittano: muro su Libraro e nuovo +3 (18-21). Pierotti in diagonale stampa il 18-24 e regala 6 set point ai suoi. Ne viene annullato solo uno: chiude Hoogendoorn 19-25.
SECONDO SET. Partenza sprint della Sigma Aversa che sospinta dal pubblico del PalaJacazzi riesce a trovare anche un vantaggio di 4 punti quando Giacobelli mura Hoogendoorn e firma il 4-8. Break di Bergamo chiuso da Hoogendoorn che prima trova il pareggio e poi il sorpasso (8-9). Bosco chiama 'discrezionale'. Muro di Giacobelli e tabellone che riporta il punteggio di 10-10. Ace di Libraro e +2 della squadra del presidente Sergio Di Meo (12-10). Il tocco a rete di Robbiati vale il 14-11. I tre punti di vantaggio resistono fino al 18-15 poi Cavuto trova due aces di fila e la contesa ritorna in parità a 18. Capitan Libraro non ci sta: due diagonali da paura e 20-18. Ancora tanto equilibrio: ace di Pierotti e 22-22. De Paola sigla il suo primo punto del match nel momento decisivo per il 23-22. Mani e fuori di Cavuto e primo set point per la Caloni Agnelli (23-24). Attacco out di Santangelo (confermato dal video check) e si gira campo 23-25.
TERZO SET. La Caloni Agnelli Bergamo parte bene anche nel terzo parziale ma Robbiati con l'ace trova il 5-5. Nuovo break lombardo e Sigma Aversa che si ritrova a rincorrere 5-8. L'allenatore normanno prova a smovere i suoi ragazzi chiamando time-out ma non c'è reazione: attacco di Cavuto in parallela e 8-12. Sul 9-15, quando già ci sono 6 punti da recuperare, coach Bosco è costretto a chiamare un altro 'discrezionale' perché gli errori sono troppi e bisogna cambiare marcia. Santangelo pesta la linea dei tre metri quando è in seconda linea e il secondo arbitro chiama fallo: 10-17. Cavuto passa nel muro e sigla il 14-21. Pierotti ferma Di Florio e regala ben 8 palle per lo 0-3 (16-24). Tre match point annullati e coach Graziosi chiama time-out. Al rientro in campo chiude Cioffi con un primo tempo.
SIGMA AVERSA – CALONI AGNELLI BERGAMO 0-3 (19-25; 23-25; 19-25)
SIGMA AVERSA: De Paola 1, Di Florio 1, Santangelo 14, Vacchiano (L), Putini 1, Razzetto ne, Libraro 11, Hister ne, Attanasio ne (L2), Robbiati 7, De Rosas, Valla ne, Montò, Giacobelli 10. All. Bosco Pasquale. Secondo all. Bosco Alfonso
CALONI AGNELLI BERGAMO: Luppi 7, Innocenti, Marsili, Pierotti 11, Cavuto 9, Cioffi 1, Franzoni (L), De Angelis (L), Carminati, Hoogendoorn 19, Erati 6, Gamba ne, Jovanovic 2. All. Graziosi. Secondo all. Carmelino
ARBITRI: Noce di Frosinone e Talento di Salerno

Sigma Aversa, la formazione Under 19 domina a Caserta e si laurea campione provinciale

Pubblicato in Sport
Giovedì, 02 Febbraio 2017 10:51

Mentalità vincente: questo è il segreto della Sigma Aversa. C'è una squadra che lotta, diverte e miete successi in Serie A2 e un'altra che addirittura riesce a fare ancora meglio. Martedì scorso, 31 gennaio, infatti la società del presidente Sergio Di Meo ha potuto festeggiare la conquista del titolo provinciale con la formazione Under 19 e il traguardo raggiunto di partecipare alle Final Four regionali come testa di serie vincendo per 3-1 contro gli Aironi Volley Striano. Una macchina perfetta: sette partite disputate e 7 vittorie conquistate. Solamente 4 set persi e un attacco atomico con ben 590 punti fatti. E' questa la corazzata della provincia di Caserta ma di certo una delle migliori anche della Campania. E l'obiettivo ora è quello di vincere la fase regionale e pensare già a quella nazionale che si terrà a Bormio. Tutto questo è stato possibile grazie a due persone che in estate hanno deciso di 'svoltare' e di far diventare la Sigma Aversa la migliore realtà campana per il lavoro coi giovani: il presidente Di Meo e il direttore tecnico Ignazio Nappa. Si sono seduti intorno ad un tavolo e subito dopo le parole hanno fatto parlare i fatti: squadra affidata agli allenatori Giuseppe Scognamiglio e Nicola Di Costanzo e via alla ricerca dei migliori talenti della Campania. Accordi stretti con la Pallavolo Ariano Irpino, l'Agca Colli Aminei Napoli, l'Elisa Volley Pomigliano, l'Olimpica Avellino e l'Olimpia Arzano. Per avere un roster di altissimo livello che oggi è formato da Fabrizio Auriemma, Luca Cefariello, Roberto Di Biase, Luca Di Franco, Marco Famoso, Luca Gengaro, Luca La Piccirella, Paolo Limongello, Francesco Lombardi, Rocco Malanga, Francesco Marrone, Simone Monda, Giordano Raimondo, Luca Sarno, Gianluigi Simonelli e Mario Silvestro. Una famiglia formata dai dirigenti normanni Agostino Sozio e Pasquale Sozio e dai collaboratori Paolo Malanga, Maurizio Monda, Carmine Menna, Giulio Scafaro, Andrea Puzone e Giulio Filomena (a rappresentare le squadre consorziate) che non vuole assolutamente fermarsi. Come per la Serie A adesso viene il bello: testa alta e petto in fuori. Siamo la Sigma Aversa!

Toscana amara per la Sigma Aversa: la Kemas Lamipel Santa Croce vince 3-0

Pubblicato in Sport
Lunedì, 23 Gennaio 2017 09:40

SANTA CROCE SULL'ARNO – I 'Lupi' di Santa Croce si prendono la rivincita e battono 3-0 (stesso risultato dell'andata a favore dei normanni) la Sigma Aversa sospinti dagli oltre 650 spettatori presenti sugli spalti. La Kemas Lamipel conquista la Poule Promozione e agguanta proprio i normanni in classifica. Trasferta amara per i tifosi giunti da Aversa: chilometri di tristezza e rabbia per rientrare a casa.
PRIMO SET. Gara molto equilibrata nelle prime battute. Primo doppio vantaggio della Sigma Aversa quando Hister trova la parallela che piega la resistenza della difesa toscana (4-6). Break della Kemas Lamipel che prima pareggia e poi prova a prendere il largo (8-6) costringendo coach Bosco a chiamare time-out. Ma al rientro in campo la squadra del presidente Sergio Di Meo non riesce aa trovare il cambio palla e piazza atri 3 punti di fila fino all'11-6. Elia mura Robbiati e i padroni di casa sono +6 (12-6). Sulla 'doppia' di Libraro e l'ace di Guimaraes lo svantaggio normanno aumenta (12-6). Santa Croce tocca anche la doppia cifra di vantaggio (18-8). Benaglia stampa il muro del 21-10. Montò, entrato al posto di Hister, prova a svegliare la sua squadra, col vincente del -10 (21-11). Ma la reazione è tardiva e il set ha già un suo 'padrone'. Battuta out della Sigma e 10 set point. Si va al cambio campo sul 25-14.
SECONDO SET. Parità fino al 3 poi i padroni di casa si regalano il break che porta la contesa sul 6-3. Poi si inizia ad andare punto a punto ma la Sigma Aversa ha ancora da recuperare tre punti quando c'è il 8-5. Robbiati non ne vuole sapere di far andare via gli avversari: muro terrificante nei tre metri e 11-8. Santangelo riesce a passare nel muro toscano per il -2. Due punti di fila al centro per la Kemas Lamipel e poi attacco out dell'opposto aversano e punteggio che arriva sul 17-11. Dennis trova lo spazio tra muro e asticella da '2' e stampa il 18-12. La prima squadra a trovare il ventesimo punto è quella di Santa Croce: Elia approfitta di una ricezione errata e trova il 20-13. I punti di distacco tra le 2 squadre diventano 5 quando Robbiati blocca l'attacco avversario per il 20-15. Pallonetto out di Hister e 23-16. Il successivo ace di Vermiglio porta i padroni di casa ad avere 8 palle per il 2-0. Santangelo annulla la prima e anche la seconda. Ma non la terza: si gira 25-18.
TERZO SET. Nel terzo parziale Santangelo trova subito l'ace del +2 (2-4). Santa Croce però non molla e riporta subito la gara in parità a 5. Dennis porta avanti i suoi con un preciso mani e fuori (7-6). Sull'8-6 coach Bosco si gioca il primo time-out. Servizio vincente di Guimaraes e +3 toscano (11-8). Attacco out di Montò ed ace di Elia e la squadra di Bertini prova il primo allungo del parziale (14-10). I quattro punti di svantaggio diventano 3 quando Libraro in diagonale 'rompe' la difesa avversaria per il 17-14. Giacobelli con un preciso primo tempo regala il -2 (19-17). Guimaraes in pipe, senza muro, stampa il 20-17. Sempre a muro, questa volta con Robbiati, la Sigma si tiene in vita (20-19). Guimaraes regala il primo (dei due) match point (24-22). La gara si chiude con l'invasione a rete della Sigma. Finisce 25-22.
KEMAS LAMIPEL SANTA CROCE – SIGMA AVERSA 3-0 (25-14; 25-18; 25-22)
KEMAS LAMIPEL SANTA CROCE: Elia 8, Bonami (L), De Leon Guimaraes 21, Ciulli, Colli 2, Mazzone ne, Del Campo 2, Tamburo ne, Taliani ne, Benaglia 4, Dennis 18, Vermiglio 4. All. Bertini. Secondo all. Morando
SIGMA AVERSA: Santangelo 11, Vacchiano (L), Putini 1, Razzetto ne, Libraro 7, Hister 2, Attanastio ne (L2), Robbiati 6, De Rosas, Valla 1, Montò 4, Giacobelli 3. All. Pasquale Bosco. Secondo all. Alfonso Bosco
ARBITRI: Sergio Jacobacci e Massimo Piubelli
NOTE: Spettatori: 654. Incasso 2215 euro. Durata set: 23', 25', 28'

Ad Aversa si scrive la storia della pallavolo campana: la Sigma accede alla Poule Promozione per la SuperLega

Pubblicato in Sport
Lunedì, 16 Gennaio 2017 09:46

AVERSA – I presenti, in futuro, potranno dire 'Noi c'eravamo'. Al 'PalaJacazzi' si è scritta una pagina della storia della pallavolo campana. Per la prima volta, in assoluto, un club di questa Regione accede alla Poule Promozione per l'accesso alla Serie A1. Ed a riuscirci è la Sigma Aversa del presidente Sergio Di Meo che battendo 3-0 l'Aurispa Alessano è matematicamente salva e potrà lottare, tra qualche settimana, per il sogno SuperLega. In un palazzetto festante presenti i massimi vertici del volley campano che hanno assistito a quella che è una partita che resterà, per sempre negli annali.
PRIMO SET. Partenza 'sparata' della Sigma Aversa: primo tempo di Robbiati e muro di Hister e subito +4 (6-2). Santangelo, ristabilitosi completamente, dalla seconda linea trova il diagonale vincente che vale l'8-4. Sul successivo errore di Argilagos (9-4) l'allenatore dell'Aurispa Mastrangelo ferma il gioco con un time-out. Attacco di Giacobelli su difesa errata dei pugliesi e il vantaggio aumenta (13-7). Hister ha il braccio caldissimo: alzata spettacolare di Putini e diagonale da urlo dello schiacciatore brasiliano per il 16-8. Break favorevole ad Alessano e il divario si dimezza (17-13). Coach Bosco non vuole rischiare e si gioca il primo time-out. E la mossa ha subito gli effetti sperati: Giacobelli riesce a trovare i tempi giusti per passare nel muro avversario firmando il ventesimo punto (20-15). L'Aurispa non molla ma Santangelo trova l'incrocio delle linee in diagonale siglando il 23-19. Hister (stratosferico nel primo parziale) regala 4 set point. Uno viene annullato ma non il successivo. Si cambia campo sul 25-21 con l'errore in battuta di Muccio.
SECONDO SET. Il primo punto è di marca pugliese ma i ragazzi della Sigma Aversa hanno il fuoco negli occhi e piazzano immediatamente un break terrificante che porta la contesa sul 5-1. Si va avanti a suon di cambi palla e il vantaggio di 4 punti resta fino al 12-8. Ace di Hister e +5 (16-11). Con lo schiacciatrice brasiliano al servizio l'Aurispa 'crolla' mentalmente e quando Hister trova l'ace i pugliesi devono recuperare 8 punti (19-11). L'Aurispa Alessano però è dura a morire e piazza un contro break (1-7) che porta il risultato sul 20-18. Due punti di fila del club normanno del presidente Sergio Di Meo e divario che aumenta nuovamente (22-18). Dopo due video check richiesti dal club pugliese (e respinti) la Sigma Aversa si regala 6 set point (24-18). Annullato il primo ma non il secondo: primo tempo di Giacobelli e 25-19.
TERZO SET. Il terzo parziale è più equilibrato ma ci pensa il capitano Libraro a portare la Sigma Aversa +2 quando in parallela trova l'incrocio delle linee per il 9-7. Attacco out del centrale pugliese e contesa che arriva 11-8. In campo anche il giovanissimo Riccardo Valla: nonostante l'età (classe 1994) non fa tremare il braccia e passa tra il muro e l'asticella da '2' per il 14-12. Alessano alza il muro e recupera fino al pareggio a 15. Ma c'è una storia da scrivere. Hister a muro trova il tempo giusto per il +3 (21-18). L'Aurispa ritorna a -1 sul 22-21. Coach Bosco chiama time-out e al rientro in campo Hister trova l'ace del 24-22. Un set point annullato ma Libraro, e doveva essere per forza lui, chiude con un mani e fuori per il definitivo 25-23. Ed ha fatto la storia.
SIGMA AVERSA – AURISPA ALESSANO 3-0 (25-21; 25-19; 25-23)
SIGMA AVERSA: Santangelo 7, Vacchiano (L), Putini 2, Razzetto ne, Libraro 13, Hister 19, Attanasio ne (L2), Robbiati 9, De Rosas, Valla 2, Montò ne, Giacobelli 9. All. Bosco Pasquale. Secondo all. Bosco Alfonso
AURISPA ALESSANO: Muccio 2, Cernic 7, Bonante 1, Bulfon ne, Torsello 1, Baldari ne, Russo (L2), Borgogno 9, Argilagos 12, Bisanti (L), Piscopo 7. All. Mastrangelo. Secondo all. Bramato
ARBITRI: Vincenzo Carcione di Roma e Giuseppe Maria Di Blasi di Roma

Pagina 1 di 3

Salute e Benessere

Caserta: giornata dedicata alle malattie della tiroide

Caserta: giornata dedicata alle malattie della tiroide

Caserta - Oggi, mercoledì 24 maggio, l’Azienda Ospedaliera di Caserta “Sant’Anna e San Sebastiano” p...

Moda e Tendenze

da queste pARTI

JoomShaper