Falciano del Massico: agente polizia penitenziaria suicida in casa

Pubblicato in Cronaca
Lunedì, 13 Marzo 2017 15:32

Tragedia a Falciano del Massico, nel Casertano, dove un agente della polizia penitenziaria, sposato con figli, si sarebbe tolto la vita nella propria abitazione sparandosi un colpo alla testa con la pistola di ordinanza.

L'uomo avrebbe premuto il grilletto nella cucina dell'abitazione, davanti al padre e al fratello che stava preparando il caffè; il proiettile, secondo le prime risultanze investigative, di rimbalzo, avrebbe poi colpito anche il fratello che ora è ricoverato con una ferita alla gamba. Sul posto i carabinieri e il magistrato di turno della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere Domenico Musto. 

Aversa: una "casa" per chi soffre di problemi mentali

Pubblicato in Territorio
Sabato, 07 Gennaio 2017 16:40

Uno spazio nuovo per aiutare chi soffre di problemi psichiatrici. Martedì 10 gennaio alle 11, ad Aversa, (provincia di Caserta) si inaugura un nuovo Centro di Salute Mentale. Una struttura che servirà i distretti sanitari numero 17 di Aversa e numero 18 di Succivo.

Dopo la significativa esperienza del Centro di Salute Mentale di palazzo Orabona ad Aversa, finita nel 2014, è rimasta viva l'esigenza di ricostruire un contesto operativo che favorisse le pratiche di una salute mentale realmente territoriale. L'attività, dopo importanti lavori edilizi e impiantistici, è finalmente pronto il nuovo Centro di Viale Europa, dove saranno garantite a decine e decine di pazienti le prestazioni sia ambulatoriali che territoriali, e dove troveranno un loro posizionamento un Day-Hospital per la gestione delle acuzie psichiatriche e un Centro Diurno per le attività di riabilitazione psicosociale.

Sarà aperto per 12 ore al giorno in tutti i giorni feriali. Valore aggiunto, la struttura è di proprietà dell'Asl, cosa che consentirà all'azienda di risparmiare sulla spesa per il fitto precedentemente sostenuta. Un'ancora di salvezza poter contare su una nuova struttura, in un Paese nel quale non sempre è facile trovare risposte ai problemi dell'anima è fondamentale. Per molti pazienti sarà una vera e propria ancora di salvezza.

Quello psichiatrico è un disturbo molto complesso da affrontare, perché riguarda non solo la mente ma anche il corpo. I sintomi si manifestano infatti sia a livello cognitivo e fisico, emotivo e comportamentale. Per questa ragione è importante che il paziente venga seguito da diverse figure professionali capaci di collaborare tra loro.

All'inaugurazione del 10 saranno presenti, oltre al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, anche il direttore generale della Asl Caserta Mario De Biasio, il direttore del dipartimento di salute mentale della Asl Caserta Luigi Carizzone e il Sindaco di Aversa Enrico De Cristofaro.

Visita virtuale in una casa dell'antica Pompei

Pubblicato in Cultura
Mercoledì, 05 Ottobre 2016 16:02

Ricostruita in 3D una casa dell'antica Pompei: è quella appartenuta a Lucio Cecilio Giocondo che era stata sepolta, come tutta la città romana, sotto le ceneri dell'eruzione del Vesuvio del 79 d.C.

A realizzare la ricostruzione digitale della casa romana è stato il gruppo coordinato da Anne-Marie Leander Touati, dell'università svedese di Lund. Vi hanno contribuito anche gli italiani Nicolò Dell'Unto, che lavora all'università di Lund e Daniele Ferdani, dell'Istituto per le Tecnologie Applicate ai Beni Culturali del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr).

''Combinando le nuove tecnologie con i metodi più tradizionali, possiamo descrivere in maggior dettaglio Pompei e in modo più accurato di quanto possibile in precedenza'' ha detto Dell'Unto.

La ricostruzione 3D permette di fare una visita virtuale alla casa costruita tra la fine del III e l'inizio del II secolo a.C e appartenuta al ricco banchiere Lucio Cecilio Giocondo. La ricchezza del proprietario è riflessa nello sfarzo della casa, decorata con marmi colorati e bellissimi mosaici, come è possibile vedere anche nella sua ricostruzione 3D.

La ricerca fa parte da uno studio più ampio che riguarda tutta l'antica città di Pompei e che mostra come era la vita nella città romana prima della catastrofica eruzione del Vesuvio. Per esempio studiando i sistemi idrici, i ricercatori hanno visto che inizialmente abitanti, rivenditori e ristoratori erano dipendenti dalle grandi famiglie benestanti per il rifornimento dell'acqua, e che le condizioni sono migliorate solo poco prima dell'eruzione. Per esempio un acquedotto costruito poco prima dell'eruzione ha garantito acqua a tutti i residenti di Pompei, che così non hanno dovuto più raccoglierla dai pozzi o dai serbatoi di acqua piovana presenti nelle case  dei ricchi.

Droga: in casa piantagione di canapa, 61enne di Castel Volturno denunciato

Pubblicato in Cronaca
Mercoledì, 26 Agosto 2015 20:42

Aveva creato nella propria abitazione, a Castel Volturno nel Casertano, una piantagione di marijuana, ma è stato scoperto ed denunciato. Protagonista un 61enne del posto, nel cui appartamento, i carabinieri hanno sequestrato 77 piantine di altezza media variabile da 50 a 120 centimetri. L'uomo risponde di di coltivazione di sostanze stupefacenti.

Furto da 150mila euro nell'abitazione del vicesindaco di Marcianise, scassinata cassaforte

Pubblicato in Cronaca
Mercoledì, 12 Agosto 2015 15:00

Svaligiata l'abitazione di Stefano Accinni, vicesindaco di Marcianise. Per i ladri di appartamento un bottino di oltre 150mila euro. Trafugati monili e oggetti di grande valore. Approfittando dell'assenza di Accinni e della sua famiglia, fuori città per le vacanze, i banditi si sono introdotti nell'abitazione e hanno forzato la cassaforte svuotandola del tutto. Sul colpo stanno indagando i carabinieri della Compagnia di Marcianise.

Gelato fatto in casa

Pubblicato in Lara Gusta
Giovedì, 30 Luglio 2015 12:46

Ingredienti per 4 persone: Panna fresca 250 ml, Latte fresco intero 250 ml, Zucchero semolato
150 g.

Gli ingredienti base sono latte e panna. A loro si possono aggiungere uova, cioccolato, frutta fresca, frutta secca e aromi. Quello che oggi conosciamo come gelato un tempo era tutt'altro: nell'antichità infatti si refrigeravano miele, frutta e latte per farne cibo nutriente. Oggi il gelato è riconosciuto come prodotto tipico italiano in tutto il mondo. La preparazione di questo alimento è semplice, poiché si può realizzare facilmente il gelato senza gelatiera: è necessario miscelare gli ingredienti e far incorporare aria per rendere il gelato cremoso. Ecco la ricetta per il gelato fatto in casa: una crema fiordilatte senza gelatiera. Potete servirlo sia come dessert a fine pasto, sia come merenda nutriente.

Preparazione: Versate il latte, la panna e lo zucchero in una casseruola e ponetela sul fuoco; cuocete per 3 minuti o il tempo necessario affinché lo zucchero si sciolga. Lasciate raffreddare completamente il composto a temperatura ambiente e poi fatelo raffreddare in frigorifero per 1 ora. Nel frattempo ponete un contenitore in freezer, vi occorrerà successivamente per il gelato. Riprendete il composto e, per fargli incorporare aria e diventare cremoso, versate la miscela di latte, panne e zucchero in un contenitore alto e frullatelo con un frullatore a immersione oppure con le fruste elettriche. Il composto non si monterà, ma risulterà spumoso in superficie. Tirate fuori dal freezer il contenitore, versatevi la crema e mettetela in freezer per circa 5 o 6 ore e, a intervalli regolari di 30 minuti, mescolate la crema affinché la superficie non cristallizzi. Questa operazione, ripetuta spesso, vi consente di ottenere un gelato cremoso. Potrebbero essere necessarie più o meno ore, questo dipende molto dal freezer; tenete il composto in freezer fino a quando non sarà cremoso, mescolandolo sempre ad intervalli regolari. Servite il gelato.

Salute e Benessere

Moda e Tendenze

Cerco Lavoro

Assunzioni di infermieri in Germania

Assunzioni di infermieri in Germania

89 aspiranti all'assunzione di infermieri in Ospedali di Amburgo (Germania) hanno partecipato staman...

da queste pARTI

JoomShaper