Aversa: Commercialisti, forum su tutte le novità tributarie

Pubblicato in Territorio
Mercoledì, 26 Aprile 2017 14:21
AVERSA - “Bilancio 2016: le recenti novità tributarie alla luce dei nuovi principi dell'Organismo Italiano di Contabilità e del D. Lgs. n. 139/2015” è il tema del forum che si terrà oggi, mercoledì 26 aprile 2017, alle ore 14,30, presso la sala conferenze dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli Nord, presieduto da Antonio Tuccillo. All’incontro, introdotto da Vincenzo Natale, consigliere delegato dell’Odcec Napoli Nord, interverranno gli esperti Pierpaolo Ceroli e Agnese Menghi. Il dibattito, moderato da Angelo Capone, consigliere dei commercialisti di Napoli Nord, è stato realizzato in collaborazione con il Gruppo 24 Ore.

Aversa: Commercialisti, domani forum sui contributi alle libere professioni e alle Pmi

Pubblicato in Territorio
Mercoledì, 22 Febbraio 2017 14:11

AVERSA - Le opportunità offerte ai professionisti con l'accesso ai contributi per lo sviluppo delle attività di lavoro autonomo, sono al centro del forum promosso dall'Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli Nord, presieduto da Antonio Tuccillo, che si terrà domani, giovedì 23 febbraio 2017, alle ore 15, nella sala conferenza della sede dell'Odcec in via Diaz, 89 ad Aversa.

La Giunta Regionale della Campania ha stanziato per 17 milioni di euro per finanziare quattro diverse misure di intervento per agevolare il mondo delle professioni campane, con una particolare attenzione alle nuove iniziative a favore dei giovani con età inferiore ai 35 anni.

In particolare il contributo ai tirocinanti, fino ad un massimo di Euro 3.000,00 (Euro 500,00 mensili) per i primi sei mesi di attività di praticantato. Previsto per i Tirocinanti che non abbiano compiuto, al momento della presentazione della domanda, i 35 anni di età (procedura di presentazione delle domande a sportello a mezzo di piattaforma della Regione Campania); contributo per la partecipazione a percorsi formativi e di specializzazione, al fine di rafforzare ed aggiornare le competenze e le abilità individuali dei professionisti e dei lavoratori autonomi (senza limite di età).

Il contributo viene concesso a copertura del 75% del costo del percorso formativo per un massimo di 5.000 euro; specializzazione in percorsi formativi curriculari organizzati da Università, in partenariato con gli Ordini professionali tesi ad orientare i giovani alle Attività libero professionali; finanziamenti in conto Capitale per investimento in impianti e beni intangibili finalizzati all'avvio e allo sviluppo di attività professionali attraverso l'utilizzo di nuove tecnologie e l'innovazione tecnologica.

L'evento, introdotto e moderato da Guido Rossi, vicepresidente dell'Odcec Napoli Nord, prevederà l'illustrazione di Nicola De Cristofaro e Lea Dell'Aversano, delle misure di intervento regionale, rivolte ai titolari di studio ed ai propri tirocinanti ed anticiperanno le opportunità offerte, al mondo delle aziende, dalla misura "Garanzia Giovani", affidate all'ApL regionale "Tempi Moderni SpA",.

A seguire Quirino Razzano si occuperà dei bonus occupazionali previsti per le nuove assunzioni. Gli interventi tecnici saranno conclusi dal Consulente del Ministero del Lavoro Donato Montibello, che presenterà l'Agenda Digitale del Governo ed il progetto "Crescere in Digitale".

La Programmazione regionale sarà presentata dalla Consigliera Maria Antonietta Ciaramella, componente della III Commissione Attività Produttive del Consiglio Regionale della Campania.

Le conclusioni, congiuntamente ad una panoramica sulle opportunità previste dalla programmazione regionale della spesa comunitaria saranno affidate dall'assessore regionale alla Formazione professionale ed alle Pari opportunità Chiara Marciani.

L'Ordine di Napoli Nord, da sempre attento alle esigenze dei giovani professionisti ed alle iniziative a loro rivolte - ha dichiarato Rossi - , con questa iniziativa, ha inteso, nell'ambito del programma di formazione continua e di aggiornamento professionale della categoria, informare i giovani commercialisti, nonché i tirocinanti dottori commercialisti, delle opportunità loro offerte dalla programmazione regionale dei fondi comunitari e dall'iniziativa ministeriale di "Agenda Digitale". Gli Avvisi pubblici emessi a fine gennaio dalla Regione Campania offrono l'opportunità, ai giovani professionisti che intendono avviarsi alla vita professionale di accedere ad un contributo al 50% a fondo perduto per finanziare i loro studi professionali o per accedere a percorsi di formazione e specializzazione professionali volti a renderli maggiormente competitivi sul mercato del lavoro.

Le misure di "Garanzia Giovani", inoltre, non da tutti conosciute, devono essere intese quali nuove opportunità da prospettare al mondo dell'impresa che, attraverso l'utilizzo di politiche attive del lavoro, possono accedere ai contributi regionali previsti per forme di lavoro atipiche. La presenza presso l'Ordine di Napoli Nord di tecnici competenti e dell'assessore regionale Chiara Marciani, che ci illustreranno queste misure, ha concluso Rossi, spero vengano colte dai Colleghi di Napoli Nord per approfondire possibili nuove occasioni lavorative.

 

Capua: il Rotaract Capua Antica e Nova al forum "La Giustizia e Economia"

Pubblicato in Territorio
Giovedì, 16 Febbraio 2017 15:00

Il Rotaract Club Capua Antica e Nova ha partecipato con una sua delegazione composta dal presidente Raffaella Tartaglione ed Antimo Basolillo al Forum "La giustizia e l'economia", che si è svolto sabato 4 febbraio presso l'Istituto Secondario Statale "Gaetano Filangieri" di Frattamaggiore, per avvicinare i ragazzi al mondo del lavoro. L'iniziativa, alla quale il Rotaract ha dato il patrocinio morale, è stata promossa dall'Associazione fra Commercialisti "Luca Pacioli" nell'ambito della XI edizione dell'assegnazione di borse di studio.

Ogni anno l'Associazione "Luca Pacioli" eroga borse di studio a studenti meritevoli iscritti all'Istituto "Filangieri" che vengono selezionati direttamente dalla scuola.

Durante la mattinata di cultura a Frattamaggiore, si è tenuta la presentazione dei libri 'Confessione di un giudice' di Domenico Mazzocca, 'Mali capitali' di Catello Maresca - pm Antimafia - e 'Le società pubbliche' di Francesco Fimmanò e Antonio Catricalà.

Al termine del convegno è stato consegnato al Rotaract Club Capua Antica e Nova un omaggio da parte dell'Associazione fra Commercialisti, Luca Pacioli. "Una bellissima manifestazione che denota come il contributo della società civile al futuro – ha detto la responsabile dei rotaractiani Tartaglione nel suo intervento - si dimostra anche attraverso piccoli, ma significativi gesti. Un plauso a questa associazione che stimola i nostri giovani alla formazione e all'apprendimento".

Queste le parole di Bruno Miele, Presidente dell'associazione di Commercialisti 'Luca Pacioli', agli studenti nel presentare il forum. "È necessario stare a stretto contatto con gli studenti perchè le scuole sono il vero serbatoio del futuro ed è da qui che bisogna ripartire per superare le difficoltà che oggi ci troviamo ad affrontare. Crediamo che il nostro territorio abbia grandi potenzialità, sia sotto il profilo pubblico che privato, ed è per questo che ritengo sia necessario avvicinare i giovani al mondo delle professioni".

Ischia: forum PolieCo sui rifiuti e plastiche in mare: Mediterraneo fra i più inquinati

Pubblicato in Attualità
Sabato, 17 Settembre 2016 14:38

Rifiuti in mare: inquinamento e smaltimento. Ne hanno discusso i relatori d'eccezione all'interno dell'ottavo Forum Internazionale sull'Economia dei Rifiuti, promosso dal consorzio PoliEco presso l'Hotel della Regina Isabella, ad Ischia.

Alla tavola rotonda, presieduta dalla direttrice del Consorzio, Claudia Salvestrini, un convitato di pietra: i 300 milioni di tonnellate di plastica prodotti annualmente, così come sottolineato da Silvestro Greco, consulente scientifico presso il Ministero dell'Ambiente. Di queste, 8 milioni finiscono in mare. Un problema, dunque, di dimensioni gigantesche che ci tocca molto da vicino, visto che il Mediterraneo supporta circa il 30% di traffico di idrocarburi, nonostante sia uno dei mari più piccoli al mondo.

Quali soluzioni adottare, dunque? Un contributo importante, quello di Gian Claudio Faussone, in rappresentanza di Sintol, start up nata nel 2015 all'interno del Politecnico di Torino, con l'idea di realizzare in Italia un impianto di trasformazione dei residui plastici in carburanti, filone considerato promettente della green economy perché unisce i benefici della riduzione dei rifiuti alla riduzione dello sfruttamento delle risorse.

Dal canto suo, Cristina Fossi, docente di Ecologia ed Ecotossicologia presso l'Università di Siena ha illustrato il progetto Plastic Buster, di cui l'Ateneo è leader, per stimare la quantità, le fonti, i percorsi, la distribuzione, le aree di convergenza dei rifiuti. "Il marine litter - ha detto Fossi - in particolare i rifiuti di plastica, ha raggiunto anche gli ecosistemi più remoti, riversandosi sugli ambienti costieri, ma anche nel fondo marino sotto forma di piccoli detriti plastici che, venendo a contatto con la fauna ittica, possono essere anche molto dannosi per la salute umana".

Inoltre, Vito Felice Uricchio, direttore dell'Istituto di Ricerca sulle Acque, ha sottolineato, oltre alla necessità di scoraggiare la produzione stessa dei rifiuti, come "qualsiasi rifiuto, anche quello ad esempio abbandonato sulle Alpi, prima o poi arrivi al mare", supportando la riflessione fatta dal direttore PoliEco Salvestrini che definiva i rifiuti in mare "un problema globale non equiparabile al rifiuto urbano e la cui risoluzione richiede un impegno totale da parte di tutti".

Alessandra Nasti, in rappresentanza di Federcoopesca, ha illustrato l'esperienza delle cooperative nel promuovere lo smaltimento dei rifiuti che vengono quotidianamente raccolti in mare dai pescherecci, nonché le possibili soluzioni per supportare ed incentivare i pescatori, dando loro gli strumenti necessari a smaltire correttamente i rifiuti raccolti nelle reti e le reti stesse.

In conclusione, Rosario Trefiletti di Federconsumatori ha sottolineato l'importanza della ricerca e dell'educazione ambientale. "L'Italia - ha detto - investe decisamente molto poco nella ricerca, preferendo semmai comprare un M16 in più. E' invece fondamentale agire anche all'interno del sistema scolastico facendo in modo che l'educazione ambientale inizi in tenera età. Solo così si potrà centrare l'obiettivo di realizzare un pacchetto intelligente che guardi allo sviluppo sostenibile".

 

Aversa: forum commercialisti sul controllo gestione per innovazione e sviluppo Pmi

Pubblicato in Territorio
Martedì, 17 Maggio 2016 14:15

AVERSA - "Il controllo di gestione per l'innovazione e lo sviluppo delle Pmi" è il tema del forum che si terrà domani, mercoledì 18 maggio alle ore 15,00, presso il salone delle conferenze dell'Ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili di Napoli Nord, presieduto da Antonio Tuccillo.

All'incontro interverranno Riccardo Imperiali di Francavilla, presidente della sezione Terziario avanzato dell'Unione Industriali di Napoli; Antonio Carboni, consigliere Odcec Napoli Nord; Paolo Stampacchia, ordinario di economia e gestione delle imprese dell'Università di Napoli Federico II; Giovanni Esposito, docente di Gestione dell'Innovazione e A. U. Mes (Managerial Engineering Solutions); Francesco Giuliano, dottore commercialista e consulente di direzione ed organizzazione aziendale; Fabio Provvedi, sales manager Zucchetti.

Alimentare: solo a legna vera pizza napoletana? Nasce forum

Pubblicato in Curiosità
Martedì, 05 Gennaio 2016 13:16

La cottura a forno a legna della pizza napoletana è ancora sinonimo di qualità o il futuro della pizza sta nel forno a gas ed elettrico. La scelta dello strumento di cottura ideale per il piatto italiano più amato e conosciuto al mondo - uno dei portabandiera della cucina italiana insieme alla lasagna - non è cosa da poco e sul tema si confronteranno storici, antropologi, professori universitari, giornalisti, comunicatori, esperti, rappresentanti delle associazioni e alcuni dei migliori maestri pizzaioli.

L'occasione a Napoli il 25 e il 26 gennaio quando un forum internazionale di carattere scientifico - organizzato da Formamentis in collaborazione con Luciano Pignataro Wine Blog, Lsdm (Le strade della mozzarella) e Corteseway - indagherà sull'evoluzione della pizza napoletana.

L'obiettivo è comprendere quanto il forno, a legna, a gas o elettrico, influisca sulla corretta esecuzione di una pizza napoletana e se esistano modelli replicabili che si vadano ad adattare ai diversi contesti di lavoro, oltre a confrontarsi sui temi del valore dell'artigianalità, tipicità, rispetto della tradizione, innovazione. Tutti insieme per far sì che la pizza, anche in questo secolo come nei due precedenti, resti una icona di Napoli e dell'Italia nel mondo.

Aversa: Forum sul contenzioso tributario promosso dai Commercialisti di Napoli Nord

Pubblicato in Territorio
Giovedì, 05 Novembre 2015 16:31

"Strumenti deflattivi del contenzioso tributario e le novità sulla riforma del processo" è il tema del forum che si terrà domani, venerdì 6 novembre 2015, alle ore 15, promosso dall'Ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili di Napoli Nord, presieduto da Antonio Tuccillo e che si svolgerà nel salone delle conferenze ad Aversa (Via A. Diaz, 89).

All'incontro, moderato da Giuliano Chiariello, interverranno Bruno Miele, Stefano Stanzione e Vincenzo Natale, rispettivamente vicepresidente e consiglieri dell'Odcec Napoli Nord; Marcello Sinisi, presidente della II sezione civile del Tribunale di Napoli Nord; Alfredo Minichini, giudice tributario e presidente della Commissione strumenti del contenzioso tributario; Biagio Lauro, funzionario Agenzia delle Entrate; Alfonso Bombace, presidente Commissione Contenzioso Tributario; Giancarlo Falco, presidente della commissione processo tributario dell'Ugdcec; l'avvocato cassazionista Bruno Cantone; l'avvocato tributarista Tizana Pane.

Maltempo: forum sul piano contro il dissesto a Caserta

Pubblicato in Attualità
Venerdì, 23 Ottobre 2015 13:57

"Le alluvioni di questi giorni dimostrano l'urgente necessità di intervenire con misure strutturali per tutelare il territorio campano e per farlo occorre attingere dai fondi europei della programmazione 2014-2020. Si tratta di un'opportunità unica".

E' quanto ha dichiarato il consigliere regionale Giampiero Zinzi durante il forum di consultazione, tenutosi alla Provincia di Caserta, del Piano di Gestione del Rischio Alluvioni in corso di predisposizione da parte dell'Autorità di Bacino del Distretto Idrografico Appennino Meridionale, che raccoglie sette Regioni del Sud Italia (Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia e Calabria) per un'estensione totale di 68mila chilometri quadrati, con quasi 2000 zone a rischio mappate - la mappatura non è conclusa - e 700mila persone a rischio.

Il forum di oggi, relativo al bacino idrografico dei fiumi Liri-Garigliano e Volturno, è l'ultima tappa della fase di consultazione con i soggetti interessati per eventuali suggerimenti al progetto, quindi entro il 22 dicembre prossimo il piano con le misure provvisorie e strutturali di salvaguardia del territorio delle sette regioni dovrà essere ultimato e pubblicato.

"La politica deve fare la sua parte, e i lavori di riduzione del dissesto porteranno anche occupazione" spiega Zinzi, presidente della Terza Commissione Speciale della Regione Campania "Terra dei Fuochi, bonifiche ed Ecomafie".

Per il presidente della Provincia di Caserta Angelo Di Costanzo, "i territori del Casertano in cui bisogna intervenire immediatamente sono l'area Est con i Comuni di San Felice a Cancello e Santa Maria a Vico e la piana del Volturno".

Il segretario generale dell'Autorità Vera Corbelli ha auspicato "un impegno concreto della Regione Campania che negli anni scorsi non sempre ha attuato i piani predisposti dall'Autorità di Bacino".

Sulla recente alluvione di Benevento, il dirigente dell'Autorità Giacinto Straniero, ha riferito che "dai primi sopralluoghi effettuati è emerso che l'alluvione ha colpito in zone non toccate dalla precedente grande piena del 1949, e ciò forse è dovuto al fatto che gli argini cittadini sono stati posti solo dove si è costruito, non invece nelle aree libere; inoltre gli eventi tmosferici dei giorni scorsi hanno avuto caratteristiche particolari, con picchi di precipitazioni elevati e ripetuti, e tempi molto brevi, che ha prodotto l'accumulo e il trasporto di un'ingente quantità di fango e sedimenti". 

Salute e Benessere

Moda e Tendenze

da queste pARTI

JoomShaper