Santa Maria C.V.: alla libreria Spartaco di scena Peppe Barra

Pubblicato in Eventi
Martedì, 17 Gennaio 2017 16:28

Alla libreria "Spartaco" di Santa Maria Capua Vetere sabato 21 gennaio 2017, alle ore 18, "Attori-Lettori. Una sera con..." l'attore PEPPE BARRA. Interviene il direttore artistico Nunzio Areni

Cantante, attore, narratore come pochi, interprete innovativo del grande teatro napoletano: è l'attore Peppe Barra, il cui nome riesce a fondere perfettamente tradizione e novità. Sarà lui il protagonista dell'incontro della serie "Attori-lettori" nella Libreria Spartaco di via Martucci 18 a Santa Maria Capua Vetere (Ce), sabato 21 gennaio 2017, alle ore 18. E si racconterà, come solo lui sa fare, attraverso le esperienze vissute calcando i palcoscenici di tutta Europa e naturalmente attraverso le sue letture preferite. Al suo fianco Nunzio Areni, direttore artistico di Modus Art. Ingresso libero in libreria. Alle 21, Peppe Barra andrà in scena al Teatro Garibaldi di S. Maria C. V. con "La cantata dei pastori".

L'attore-lettore

Protagonista indiscusso della Gatta Cenerentola di Roberto De Simone, il nome di Peppe Barra è legato a doppio filo alla "Cantata dei pastori" riscritta con Paolo Memoli, di cui firma anche la regia, che ha ottenuto il premio ETI Olimpici del teatro 2004 come migliore commedia musicale dell'anno e che da allora mette in scena ogni anno, ultimo esempio di teatro rituale presente in Europa. Conoscitore e attento ricercatore della tradizione popolare, Peppe Barra si dimostra particolarmente felice nel "contaminare" i generi: ha all'attivo circa una decina di album musicali. Attualmente prosegue la sua attività teatrale e concertistica sempre per raccontare la sua Napoli, popolata di figure semplici, animata da una cultura profondamente popolare e autentica, ed è membro del comitato scientifico del master in Letteratura, scrittura e critica teatrale dell'Università Federico II di Napoli.

Lo spettacolo "La cantata dei pastori" in scena al Teatro Garibaldi, alle ore 21

"La cantata dei pastori" racconta le traversie di Giuseppe e Maria per giungere al censimento di Betlemme e gli ostacoli che la santa coppia dovrà superare prima di trovare rifugio nella grotta della Natività. Nel difficile viaggio vengono accompagnati da due figure popolari napoletane, Razzullo, scrivano assoldato per il censimento, e Sarchiapone, "barbiere pazzo in fuga per omicidio".

Peppe Barra (Razzullo) è protagonista e regista della "Cantata dei Pastori". Con lui, in scena, Salvatore Misticone (Sarchiapone), Patrizio Trampetti (Diavolo Oste/Cidonio), Maria Letizia Gorga (Zingara/Gabriello), Giacinto Palmarini(Demonio), Fabio Fiorillo (Ruscellio), Francesco Viglietti (Armenzio), Andrea Carotenuto (Giuseppe), Chiara Di Girolamo (Maria Vergine) e il piccolo Giuseppe De Rosa (Benino). Le musiche sono di Carmelo Columbro, Lino Cannavacciuolo e Roberto De Simone. Le scene sono di Tonino Di Ronza, i costumi di Annalisa Giacci, le coreografie di Erminia Sticchi; assistenti alla regia Francesco Esposito e Gennaro Monti, assistenti alla scenografia Emanuela Ferrara e Lucio Valerio, assistente ai costumi Antonietta Rendina. Lo spettacolo è prodotto da Modus Art, diretto da Nunzio Areni.

 

Santa Maria C.V.: alla libreria Spartaco "Scrittori in carne ed ossa. Una sera con.."

Pubblicato in Cultura
Lunedì, 09 Gennaio 2017 12:35

La stagione di presentazioni si apre alla grande nel 2017: il "camminatore" e scrittore Andrea Vismara sarà ospite della Libreria Spartaco, in via Martucci 18 a Santa Maria Capua Vetere (Ce), mercoledì 11 gennaio 2017 alle 18, per la presentazione dei libri La mia francigena. Diario semiserio di un pellegrinaggio laico (Edizioni dei Cammini) e Iddu. Dieci vite per il dio del fuoco (Edizioni Spartaco). A vivacizzare l'incontro ci saranno anche gli studenti dell'Isiss "Edoardo Amaldi-Cneo Nevio", capitanati dalle professoresse Marina Zibella, Silveria Temporale e Giuseppina Russo. Ingresso libero. 

Il giorno prima, martedì 10 gennaio, alle 17,30, Vismara presenterà il romanzo Iddu. Dieci vite per il dio del fuoco (Edizioni Spartaco) nella sala consiliare del Comune di Casapulla, in via F. Sersale. Interverranno l'assessore alla Cultura Anna Di Nardo e il consigliere comunale Luigi Tecchia. Ingresso libero.

Lo scrittore in carta e ossa Andrea Vismara (1965), fotografo, musicista e dj, scrittore e "camminatore", vive tra Roma e Firenze. Ha lavorato in librerie, biblioteche e negozi di dischi.

I libri "Iddu. Dieci vite per il dio del fuoco" (Edizioni Spartaco). Dai quattro angoli della Terra, spinte da una ricerca personale, dieci persone convergono a Stromboli. Ma il caso, che apparentemente sembra reggere i fili del destino, è in realtà asservito al dio vulcano, presenza costante che si insinua lentamente tra le righe e nelle vite dei protagonisti. Una narrazione avvincente, che non concede soste: sentimenti, passioni, amore e morte si fondono in un abbraccio che soffoca, comprime o libera lo spazio e il tempo, ribollendo al ritmo ipnotico di Iddu, fino al colpo di scena e alla catarsi di un finale mozzafiato.

La mia francigena. Diario semiserio di un pellegrinaggio laico (Edizioni dei Cammini). Un uomo, laico convinto, rocker nell'animo, pendolare per amore, patente esente, con il pallino della fotografia e una passione smodata per la cucina decide improvvisamente di mollare tutto: il lavoro stressante ma ben pagato, la città caotica e corrotta, una quotidianità stantia. Ma perché scegliere di percorrere 913 chilometri a piedi su un sentiero religioso antichissimo? La risposta è questo libro, una divertente non-guida sulla Via Francigena, uno dei sentieri più affascinanti d'Italia, sui suoi difetti e le sue bellezze, un diario di viaggio dal ritmo serrato pieno di storie e consigli, scritto con ironia e un pizzico di surreale follia.

Santa Maria C.V.: lo scrittore Andrea Vismara alla libreria "Spartaco"

Pubblicato in Territorio
Mercoledì, 04 Gennaio 2017 13:58

La stagione di presentazioni si apre alla grande nel 2017: il "camminatore" e scrittore Andrea Vismara sarà ospite della Libreria Spartaco, in via Martucci 18 a Santa Maria Capua Vetere (Ce), mercoledì 11 gennaio 2017 alle 18, per la presentazione dei libri La mia francigena. Diario semiserio di un pellegrinaggio laico (Edizioni dei Cammini) e Iddu. Dieci vite per il dio del fuoco (Edizioni Spartaco). A vivacizzare l'incontro ci saranno anche gli studenti dell'Isiss "Edoardo Amaldi-Cneo Nevio", capitanati dalle professoresse Marina Zibella, Silveria Temporale e Giuseppina Russo. Ingresso libero.

Il giorno prima, martedì 10 gennaio, alle 17,30, Vismara presenterà il romanzo Iddu. Dieci vite per il dio del fuoco (Edizioni Spartaco) nella sala consiliare del Comune di Casapulla, in via F. Sersale. Interverranno l'assessore alla Cultura Anna Di Nardo e il consigliere comunale Luigi Tecchia. Ingresso libero.

Lo scrittore in carta e ossa
Andrea Vismara (1965), fotografo, musicista e dj, scrittore e "camminatore", vive tra Roma e Firenze. Ha lavorato in librerie, biblioteche e negozi di dischi.

I libri
Iddu. Dieci vite per il dio del fuoco (Edizioni Spartaco)
Dai quattro angoli della Terra, spinte da una ricerca personale, dieci persone convergono a Stromboli. Ma il caso, che apparentemente sembra reggere i fili del destino, è in realtà asservito al dio vulcano, presenza costante che si insinua lentamente tra le righe e nelle vite dei protagonisti. Una narrazione avvincente, che non concede soste: sentimenti, passioni, amore e morte si fondono in un abbraccio che soffoca, comprime o libera lo spazio e il tempo, ribollendo al ritmo ipnotico di Iddu, fino al colpo di scena e alla catarsi di un finale mozzafiato.

La mia francigena. Diario semiserio di un pellegrinaggio laico (Edizioni dei Cammini)
Un uomo, laico convinto, rocker nell'animo, pendolare per amore, patente esente, con il pallino della fotografia e una passione smodata per la cucina decide improvvisamente di mollare tutto: il lavoro stressante ma ben pagato, la città caotica e corrotta, una quotidianità stantia. Ma perché scegliere di percorrere 913 chilometri a piedi su un sentiero religioso antichissimo? La risposta è questo libro, una divertente non-guida sulla Via Francigena, uno dei sentieri più affascinanti d'Italia, sui suoi difetti e le sue bellezze, un diario di viaggio dal ritmo serrato pieno di storie e consigli, scritto con ironia e un pizzico di surreale follia.

 

Santa Maria Capua Vetere: Rocco Papaleo e Giovanni Esposito alla libreria "Spartaco"

Pubblicato in Cultura
Lunedì, 12 Dicembre 2016 15:43

Questa settimana la Libreria Spartaco, in via Martucci 18 a Santa Maria Capua Vetere (Ce), vi invita a partire per un viaggio avventuroso in compagnia di personaggi di prim'ordine:

- mercoledì 14 dicembre 2016, alle ore 17,45, è la volta dei bravissimi attori ROCCO PAPALEO E GIOVANNI ESPOSITO.

- sabato 17 dicembre 2016, alle ore 19, toccherà allo scrittore Marco Cubeddu, autore del romanzo "Con una bomba a mano sul cuore" (Mondadori), reduce dall'esperienza di "Pechino Express 2016".

Attori-Lettori. Una sera con...

ROCCO PAPALEO e GIOVANNI ESPOSITO

Gli attori incontreranno il pubblico nella Libreria Spartaco a Santa Maria Capua Vetere (Ce)

mercoledì 14 dicembre 2016, alle ore 17,45. Ingresso libero.

Alle 21 saranno in scena al Teatro Garibaldi con lo spettacolo "Buena Onda"

"Entrare in teatro, per me, è come lasciare la terraferma. È solcare il mare dell'immaginazione, vivere un'esperienza di navigante". L'invito a seguire l'onda arriva dall'attore lucano Rocco Papaleo che, assieme al brillante collega napoletano Giovanni Esposito, mercoledì 14 dicembre 2016, alle ore 17,45, incontrerà il pubblico nella Libreria Spartaco di via Martucci a Santa Maria Capua Vetere (Ce). Entrambi si racconteranno anche attraverso le loro letture preferite. I bravi attori, alle 21, getteranno le ancore al Teatro Garibaldi con lo spettacolo "Buena Onda" per la regia di Valter Lupo, un nuovo fantastico viaggio attraverso il teatro canzone.

Gli Attori-Lettori

ROCCO PAPALEO (Lauria, 1958) debutta in teatro nel 1985. La sua carriera cinematografica inizia con 'Il Male Oscuro' di Mario Monicelli (1989) per poi proseguire con 'Senza Pelle' di Alessandro D'Alatri e 'Con gli occhi chiusi' di Francesca Archibugi (1994), 'I Laureati' di Leonardo Pieraccioni e 'Ferie d'Agosto' di Paolo Virzì (1995), ' Il Barbiere di Rio' di Giovanni Veronesi e 'Cresceranno i carciofi a Mimongo' di Fulvio Ottaviano (1996). Con Leonardo Pieraccioni nasce un lungo sodalizio artistico: 'Il Paradiso all'Improvviso' (2003), 'Ti amo in tutte le lingue del mondo' (2005), 'Una moglie bellissima' (2007)', 'Io e Marilyn' (2009) e 'Finalmente la Felicità' (2011). Nel 2011 interpreta il padre di Checco Zalone in 'Che Bella Giornata' di Gennaro Nunziante. È del 2010 il suo esordio alla regia con 'Basilicata Coast to Coast'. Si cimenta nuovamente con la regia nel 2013 con il film 'Una piccola impresa meridionale' e ancora nel 2016 con "Onda su onda", film che vede protagonisti anche Alessandro Gassman e Massimiliano Gallo.

GIOVANNI ESPOSITO (1970) è un attore, comico e cabarettista napoletano. Inizia la sua carriera in televisione grazie al personaggio di Giovanni Cazzaniga sia al Pippo Chennedy Show che a Mai dire... assieme alla Gialappa's Band, nello stereotipo del tipico napoletano della medio-piccola borghesia. Da segnalare il sodalizio professionale coi comici Aldo, Giovanni e Giacomo. Interprete in teatro, televisione e al cinema, a dicembre 2016 torna sul grande schermo, al fianco di Claudio Bisio, Angela Finocchiaro e Alessandro Gassmann, con il film "Non c'è più religione".

Libreria Spartaco, Santa Maria Capua Vetere (Ce)

Sabato 17 dicembre 2016, ore 19

Reduce dalla trasmissione televisiva

PECHINO EXPRESS in onda su Rai2,

una sera con... MARCO CUBEDDU

autore del romanzo

"Con una bomba a mano sul cuore"

Mondadori

Lo scrittore Marco Cubeddu, sabato 17 dicembre 2016, alle ore 19, presenta nella Libreria Spartaco di via Martucci 18 a Santa Maria Capua Vetere (Ce) il romanzo "Con una bomba a mano sul cuore" (ed. Mondadori). È noto al grande pubblico per aver partecipato, con una buona dose di simpatia e un grande spirito di avventura, all'edizione 2016 della trasmissione in onda su Rai2 "Pechino Express". E dall'esperienza pratica alla pagina il passo è davvero breve: Cubeddu condurrà i lettori attraverso un itinerario affascinante alla ricerca di uno scrittore scomparso. Marco Cubeddu inoltre parteciperà in serata alla Notte Bianca organizzata dal Comune di Casapulla con un firma copie del libro: sarà anche l'occasione per parlare dell'avventura vissuta a Pechino Express.

Lo scrittore in carta e ossa

Marco Cubeddu (Genova 1987) dopo il diploma frequenta la Scuola Holden di Alessandro Baricco a Torino, mantenendosi facendo il pompiere. Pubblica i romanzi "Con una bomba a mano sul cuore" e "Pornokiller", entrambi per Mondadori. È caporedattore web di Nuovi Argomenti, scrive e ha scritto per diverse testate tra cui "Panorama", "La Lettura" del "Corriere della Sera", "Pagina 99", "Il Secolo XIX", "Flair" e "Grazia".

Il libro

Alessandro Spera, il più famoso scrittore italiano, è scomparso da dieci anni. Nessuno ha sue notizie dal giorno in cui ha fatto irruzione al matrimonio del suo grande amore Mallory InWonderland con il surfista australiano Toby Paramore, trucidando brutalmente gli sposi e tutti gli invitati. Ma il suo decennale silenzio è rotto da un pacco che arriva nelle mani del celebre avvocato V.V. Contiene quello che tutto il mondo stava aspettando: la confessione di Spera. Però, ammonisce lo scrittore, per capire le ragioni che lo hanno spinto al folle gesto noto al pubblico come "il massacro di Barcellona" bisogna sciogliere tutta l'intricata matassa di fili e storie che lo ha portato in quella chiesa catalana armato di un mitra e di un machete. Il lettore si trova immerso in un'autobiografia esagerata e rocambolesca che ripercorre la vita dissoluta di Spera, narratore inattendibile e irresistibile, dalle prime esperienze sessuali alla scuola materna ai mesi trascorsi nelle fila della Legione Straniera, dalle performance come pornoattore e gigolò del demimonde torinese fino agli anni del successo hollywoodiano. Sempre all'ombra di un amore maledetto e disperato. Per Mallory, la sua "Mei". Morbida, spensierata, esplosiva. L'amore della sua vita. La sua bomba a mano sul cuore.

 

Santa Maria C.V.: alla libreria "Spartaco" lo scrittore Pino Imperatore

Pubblicato in Cultura
Martedì, 06 Dicembre 2016 14:30

Due appuntamenti, questa settimana, nella Libreria Spartaco di via Martucci 18 a Santa Maria Capua Vetere (Ce): venerdì 9 dicembre, alle ore 19, lo scrittore Pino Imperatore presenta il romanzo "Benvenuti in casa Esposito" (ed. Giunti); sabato 10 dicembre, alle ore 17,30, reading letterario "Letture e congetture sulla linea Calvino-Sparaco. Le città (in)visibili" promosso dall'associazione Arthmòs con il prof. fiorentino Antonio Falcone.

Libreria Spartaco, Santa Maria Capua Vetere (Ce)

Venerdì 9 dicembre 2016, alle ore 19

Scrittori in carta e ossa. Una sera con...

PINO IMPERATORE

autore del libro "BENVENUTI IN CASA ESPOSITO"

Entrare in casa Esposito non è un'esperienza da poco: ad accogliere i lettori, alle prime battute, sono gli odori provenienti dalla cucina, ma a catturarlo pagina dopo pagina sono le vicende tragi-comiche del capofamiglia, camorrista goffo e sfigato. L'autore di "Benvenuti in casa Esposito" (ed. Giunti), Pino Imperatore, è pronto a svelare storie e retroscena della famiglia Esposito, venerdì 9 dicembre 2016, alle ore 19, nella Libreria Spartaco di via Martucci a Santa Maria Capua Vetere (Ce).

Animeranno il dibattito gli studenti del locale liceo classico, capitanati dal prof. Bonaventura Perrone. Ingresso libero.

Il libro

Il rione Sanità, dove è nato il principe della risata Totò, è uno dei più affascinanti e misteriosi di Napoli. Qui vive, con la sua famiglia allargata, Tonino Esposito, orfano di un boss della camorra. Tonino riceve dal clan un sussidio mensile e potrebbe vivere di rendita. Invece si intestardisce a voler imitare le gesta paterne, senza riuscirvi. Perché è arruffone, incapace di difendersi: un antieroe tragicomico, che tra incubi e visioni, ingenuità e imbranataggini, ne combina di tutti i colori. Uno spaccato divertente e allo stesso tempo crudele della Napoli contemporanea, città dalle mille contraddizioni e dalle tante difficoltà, capace però di non perdere mai la speranza in un futuro migliore.

L'autore

Pino Imperatore è nato a Milano nel 1961 da genitori emigranti napoletani. Vive attualmente ad Aversa, in provincia di Caserta, e lavora a Napoli. Nel 2001 ha ideato e fondato il Laboratorio di scrittura comica e umoristica «Achille Campanile», dal 2005 è responsabile della sezione Scrittura comica del premio "Massimo Trosi". È autore anche di "Bentornati in casa Esposito" e "Questa casa non è un albergo" (ed. Giunti).

Libreria Spartaco, Santa Maria Capua Vetere (Ce)

Sabato 10 dicembre 2016, alle ore 17,30

Letture e congetture sulla linea Calvino-Sparaco

LE CITTÀ (IN)VISIBILI

promosso dall'associazione Arthmòs

con il prof. ANTONIO FALCONE

Sabato 10 dicembre 2016, a partire dalle ore 17,30, si terrà il reading letterario "Letture e congetture sulla linea Calvino-Sparaco. LE CITTÀ (IN)VISIBILI" a cura dell'associazione Arthmòs. Interviene Antonio Falcone, docente presso il Liceo artistico di Firenze, approdato alla poetica dello spazio attraverso percorsi interdisciplinari, sperimentati assieme ai suoi allievi, con la predilezione per una materia, a suo dire, di difficile collocazione scolastica eppure di vitale importanza formativa: l'Utopia. Tra immagini letterarie e dipinte, verranno messe a confronto "Le città invisibili" dello scrittore Italo Calvino e "Le città visibili" del pittore Andrea Sparaco. Introduzione del presidente dell'associazione Arthmòs Antonella Ricciardi.

Prossimi appuntamenti in libreria:

- mercoledì 14 dicembre 2016, alle ore 17,45: "Attori-Lettori. Una sera con..." ROCCO PAPALEO e GIOVANNI ESPOSITO. I due bravi attori si raccontano ai fan anche attraverso le loro letture preferite.

- sabato 17 dicembre 2016, alle ore 19: lo scrittore MARCO CUBEDDU, reduce dall'esperienza di "PECHINO EXPRESS 2016", presenta il romanzo "CON UNA BOMBA A MANO SUL CUORE" (Mondadori).

 

Santa Maria C.V.: una serata con Carlo Emilio Gadda alla libreria "Spartaco"

Pubblicato in Cultura
Martedì, 15 Novembre 2016 13:33

Torna l'appuntamento, nella Libreria Spartaco di via Martucci 18, a Santa Maria Capua Vetere (Ce), con il ciclo "Matti per i classici". Martedì 15 novembre 2016, alle 19, gli amanti della letteratura più bella di tutti i tempi si confronteranno sul romanzo "Quer pasticciaccio brutto de via Merulana" di Carlo Emilio Gadda. Introduzione di Alessio Bottone e Gaetano Calvanese, letture a cura di Silvano Porceddu. Ingresso libero.

Il classico

Roma durante il fascismo. Il commissario di polizia don Ciccio Ingravallo è incaricato di svolgere un'inchiesta su un furto di gioielli avvenuto al 219 di via Merulana, una via popolare nel cuore di un vecchio quartiere. Nella casa abitano due amici del commissario: i coniugi Balducci, dai quali è solito andare a pranzo nei giorni festivi. Per lo scapolo don Ciccio Liliana Balducci è l'incarnazione della dolcezza e della purezza femminile. Un mattino, Liliana viene selvaggiamente assassinata nel suo appartamento: il furto dei gioielli e l'assassinio sono opera di una stessa persona? Da questi episodi prende il via il romanzo gaddiano, che, apparso in "Letteratura" nell'immediato dopoguerra, fu scritto a Firenze nel ricordo di un lontano soggiorno nella capitale (1926-27). Basandosi su un reale fatto di sangue, Gadda costruisce un intrigo poliziesco che gioca su un duplice registro: può essere letto, infatti, come eco del mondo e come bricolage letterario.

L'autore

Carlo Emilio Gadda lavorò come ingegnere fino al 1940, affiancando alla professione l'interesse per la letteratura e, dal 1926, per la scrittura, che sarebbe diventata la sua occupazione fondamentale per il resto della vita. Dal 1934 al secondo dopoguerra Gadda scrisse i suoi testi maggiori. Del 1934 è Il castello di Udine (premio Bagutta). Al 1937, l'anno seguente a quello della morte della madre, risale il primo nucleo della Cognizione del dolore, pubblicato incompleto tra il 1938 e il 1941 su "Letteratura" e nel 1963 in volume. A Roma Gadda iniziò la stesura del terzo grande testo, Quer pasticciaccio brutto de via Merulana, pubblicato in volume nel 1957, un giallo senza centro e senza soluzione, ritratto dell'Italia degli anni del regime fascista, in cui la realtà appare un groviglio inestricabile.

Prossimi appuntamenti:
-martedì 22 novembre 2016, ore 18,30, Istituto Iervolino I Carissimi, via Tari 49 Santa Maria Capua Vetere: la giornalista e scrittrice Benedetta Tobagi presenta il libro "La scuola salvata dai bambini" (ed. Rizzoli). L'incontro con i lettori inaugura l'anno sociale della sezione sammaritana del Cif (Centro italiano femminile) in collaborazione con la Libreria Spartaco.
- giovedì 24 novembre 2016, ore 18, Libreria Spartaco: Note a piè di pagina. Una sera con... il musicista Giò Vescovi, autore del libro "Anatomia di un pensiero blues". Intervengono Antonio Onorato, musicista, e Luciano De Fortuna, docente.
- venerdì 25 novembre 2016, ore 18,30, Anfiteatro Campano: inaugura il Festival della letteratura nel segno del mito La memoria degli Elefanti il libro "Annibale, Spartaco e Garibaldi" di Guido Trombetti, Edizioni Spartaco.

 

Santa Maria C.V.: l'attrice Isa Danieli alla libreria "Spartaco"

Pubblicato in Eventi
Lunedì, 31 Ottobre 2016 13:58

Attrice di teatro figlia d'arte, pluripremiata nel corso di una carriera costellata di successi, Isa Danieli, venerdì 4 novembre 2016, alle ore 17,15, incontrerà il pubblico nella Libreria Spartaco di via Martucci a Santa Maria Capua Vetere (Ce) raccontandosi anche attraverso le sue letture preferite. La brava attrice, alle 21, sarà di scena al Teatro Garibaldi come protagonista di "Serata d'amore" per la regia di Manlio Santanelli, un omaggio ad Annibale Ruccello, di cui la Danieli è stata musa ispiratrice.

Isa Danieli
Teatro e cinema l'hanno vista declinare in ogni modo le sue qualità di attrice poliedrica. Ha fatto parte della compagnia teatrale di Eduardo De Filippo, lavorando successivamente con Nino Taranto e Roberto De Simone, in particolare nella prima e nella seconda edizione de La gatta Cenerentola. Nei panni di Filumena Marturano, ha vinto nel 2001 il Premio Ubu come miglior attrice; con Ferdinando di Annibale Ruccello, nel 2006, il Premio Gassman come miglior attrice.

Sul grande schermo ha collaborato con registi del calibro di Lina Wertmüller, Giuseppe Tornatore, Ettore Scola, Giuseppe Bertolucci. Nel 1986 ha vinto un Nastro d'Argento come miglior attrice non protagonista per il film di Lina Wertmüller Un complicato intrigo di donne, vicoli e delitti. Nell'estate del 1990 ha vinto con Kirie di Ugo Chiti il Biglietto d'argento Anicagis a Taormina.

Lo spettacolo "Serata d'amore" in scena al Teatro Garibaldi alle 21
"Serata d'amore" è l'omaggio devoto e accorato ad Annibale Ruccello da parte di Isa Danieli e Manlio Santanelli. E sono loro, attrice e regista, a spiegare di che cosa si tratta: " L'opera di un commediografo di qualità mal si presta ad essere ricondotta, anche soltanto in sede di interpretazione, a un unico concetto generale che possa valere per ogni testo di cui quell'opera si compone. Ricondurre, in tal caso, equivarrebbe a ridurre. E tuttavia, leggendo e rileggendo le commedie di Ruccello in vista della messa in scena di questa "Serata d'amore", ci siamo imbattuti di continuo in un tema che, seppure in forma sempre diversa, ricorre con ossessiva puntualità: la solitudine. Ma la solitudine che aleggia nelle atmosfere teatrali di Ruccello e le inchioda a un panorama di spietata attualità è di una qualità del tutto speciale; o, meglio, speciale è la circostanza in cui i suoi personaggi contraggono un simile malessere. Perché, a ben riflettere, quella solitudine è sempre vincolata all'amore attraverso un preciso nesso di causalità. È, in breve, il prezzo che deve pagare chi ama o anche chi soltanto si dispone ad amare".

I prossimi incontri:
- Giovedì 10 novembre 2016, ore 18, Libreria Spartaco: "Scrittori in carta e ossa. Una sera con..." il fotografo e "camminatore" Andrea Vismara, autore del libro "La mia francigena" (Edizioni dei Cammini) e del romanzo "Iddu" (Edizioni Spartaco).
- Martedì 15 novembre 2016, ore 19, Libreria Spartaco: "Matti per i classici. Una sera con..." Carlo Emilio Gadda e il romanzo "Quer pasticciaccio brutto de via Merulana".
- Martedì 22 novembre 2016, ore 18,30 (sede da definire): la giornalista e scrittrice Benedetta Tobagi presenta il libro "La scuola salvata dai bambini" (ed. Rizzoli). L'incontro con i lettori inaugura l'anno sociale della sezione sammaritana del Cif (Centro italiano femminile) in collaborazione con la Libreria Spartaco.
- Venerdì 25 novembre 2016, ore 18, Libreria Spartaco: " Note a piè di pagina. Una sera con..." il musicista Joe Vescovi, autore del libro "Anatomia di un pensiero blues".

 

Santa Maria C.V.: alla libreria "Spartaco" righe e rime con...Argia Maina

Pubblicato in Cultura
Giovedì, 20 Ottobre 2016 17:35

"Ma morire non importa, importa solo partire". E Argia Maina, con i suoi versi, conduce il lettore lontano, nel blu profondo, per scrutare la sua voce interiore che ha il suono di un'onda del mare. Chi ha voglia, e coraggio, e passione, si unisca a questo andare che prende il via nella Libreria Spartaco, in via Martucci 18, a Santa Maria Capua Vetere (Ce), venerdì 21 ottobre alle 19, con la presentazione della raccolta di poesie "Gli approdi invisibili" di Argia Maina (ed. 'Roundmidnight). Letture a cura di Ivan Piscitelli.

L'autrice

Argia Maina è nata nella terra di Errico Malatesta (Santa Maria Capua Vetere) il 28 dicembre 1977. Ha collaborato con fanzine e riviste aperiodiche senza scopo di lucro scrivendo di musica rock, metal, fumetti e poesia. Attivista per i diritti umani, laureata in giurisprudenza. Gli approdi invisibili è la seconda raccolta edita 'Roundmidnight Edizioni. Ha pubblicato nel 2014 Il nodo del suono.

I prossimi incontri nella Libreria Spartaco:

- Da sabato 22 a sabato 29 ottobre 2016 settimana dedicata a #ioleggoperché con gli studenti in libreria: tutti sono invitati a diventare "messaggeri" e a regalare un libro destinato alla biblioteca scolastica degli istituti aderenti.

- Venerdì 4 novembre 2016, ore 17,15: "Attori-Lettori. Una sera con..." Isa Danieli. L'attrice si racconta al pubblico in libreria (ore 17,15), prima dello spettacolo in scena al Teatro Garibaldi "Serata d'amore" (ore 21).

- Giovedì 10 novembre 2016, ore 18: "Scrittori in carta e ossa. Una sera con..." il fotografo e "camminatore" Andrea Vismara, autore del libro "La mia francigena" (Edizioni dei Cammini) e del romanzo "Iddu" (Edizioni Spartaco).

- Martedì 22 novembre 2016, ore 18,30: "Scrittori in carta e ossa. Una sera con..." la giornalista e scrittrice Benedetta Tobagi, autrice del libro "La scuola salvata dai bambini" (ed. Rizzoli).

- Venerdì 25 novembre 2016, ore 18: "Note a piè di pagina. Una sera con..." il musicista Joe Vescovi, autore del libro "Anatomia di un pensiero blues".

 

Santa Maria C.V.: presentazione libro "I Pascià" alla libreria "Spartaco"

Pubblicato in Eventi
Mercoledì, 12 Ottobre 2016 17:02

Una discoteca, la più grande e scintillante, covo del clan Bardellino: con una prosa precisa ma coinvolgente il giornalista Salvatore Minieri racconta, nel libro "I Pascià. Storia criminale del clan Bardellino e della discoteca Seven Up", la storia del famoso locale di Formia, roccaforte della cosca criminale. L'appuntamento, nell'ambito del ciclo di incontri "Scrittori in carta e ossa. Una sera con...", è per venerdì 14 ottobre 2016, alle ore 18, nella Libreria Spartaco di via Martucci 18, a Santa Maria Capua Vetere (Ce).

Lo scrittore in carta e ossa

SALVATORE MINIERI, nato a Caserta 43 anni fa, è giornalista professionista e documentarista. Ha lavorato come redattore per Il Mattino, La Gazzetta di Caserta e per Il Roma. Le sue inchieste hanno portato alla luce alcuni scandali nel campo delle ecomafie operanti nel Mezzogiorno. Nel 2015, un suo reportage ha fatto scoprire la più grande discarica industriale d'Europa, venuta alla luce a 20 chilometri a nord di Caserta, nel Comune di Calvi Risorta. Ha pubblicato, nel 2014, "I Padroni di Sabbia", libro che ha riacceso le luci della cronaca, dopo quarant'anni, sulla devastante condizione delle coste campane, stritolate dall'abusivismo edilizio e dall'agghiacciante condizione ambientale dei corsi d'acqua avvelenati in provincia di Caserta.

Ha vinto il Premio Nazionale "Olmo" per il giornalismo d'Inchiesta nel 2015. Nello stesso anno gli è stato assegnato il premio nazionale "Legalità Campania" per il suo impegno giornalistico e ha vinto il "World Solidarity Award", per i suoi reportage a difesa della salute pubblica e dell'ambiente. Nel gennaio del 2008, dopo la pubblicazione di una sua inchiesta sullo scandalo delle mancate riconversioni dei beni confiscati alla mafia, è stato vittima di un attentato intimidatorio a colpi di arma da fuoco, nei pressi della sua abitazione a Pignataro Maggiore, in provincia di Caserta.

Il libro

Il feroce e tentacolare clan Bardellino è al centro di questo lavoro di ricostruzione storica di un'epopea criminale, lasciata nei cassetti per oltre un trentennio. Il gruppo mafioso, proveniente dal piccolo centro casertano di San Cipriano d'Aversa, riuscì - in soli dieci anni - a trasformarsi da semplice batteria delinquenziale, di dimensione provincialissima, in holding finanziaria della massoneria, della Banda della Magliana, di altri clan meridionali e persino delle parti deviate del Partito Socialista Italiano e della Democrazia Cristiana.

Al centro del grande incrocio criminale e politico, per circa un decennio, ci fu una discoteca, la più grande e avveniristica d'Europa, costruita a Formia proprio dagli uomini più influenti del cartello criminale che faceva capo al boss Antonio Bardellino e a suo fratello Ernesto, uomo di fiducia di Bettino Craxi, a quei tempi Presidente del Consiglio.

Secondo alcuni pentiti del feroce clan mafioso dei Casalesi, quella discoteca, il monumentale Seven Up di Formia che si estendeva su seimila metri quadrati, era la fortezza impenetrabile per tenere ben salda l'alleanza tra le varie espressioni criminali e massoniche d'Italia in quegli anni. Molte delle riunioni tra i più pericolosi boss e i gli affiliati alle logge massoniche di quel periodo, si tennero presumibilmente proprio negli eleganti uffici al primo piano della discoteca-fortezza del clan Bardellino. Carmine Schiavone, in una delle ultime interviste prima della sua misteriosa morte, parlò del Seven Up come macchina immensa per riciclare i soldi della droga, provenienti dai paesi dell'America Latina. Ne "I Pascià", per la prima volta, sono stati pubblicati gli atti che riguardano gli oscuri e impenetrabili tre decenni di collusione tra politica nazionale, cartelli mafiosi nascenti e "industria della notte", quel segmento mai analizzato a fondo che ha fatto da coperta sicura per i più massivi e redditizi traffici delle consorterie criminali, tra gli anni Settanta e Ottanta. Nel libro di Salvatore Minieri, per la prima volta a trent'anni da quella tragedia, si analizza - da un punto visuale diverso - l'ultima notte di funzionamento della discoteca criminale "Seven Up". Il 3 agosto del 1985, infatti, la struttura situata alle porte di Formia, saltò in aria per un'esplosione, avvertita persino a venti chilometri di distanza.

Prossimi incontri nella Libreria Spartaco:

• Venerdì 21 ottobre 2016, ore 18: "Righe e rime. Una sera con..." Argia Maina, autrice della raccolta di poesie "Gli approdi invisibili" (ed. 'Round Midnight). Letture a cura di Ivan Piscitelli.

• Da sabato 22 a sabato 29 ottobre 2016 settimana dedicata a #ioleggoperché# con gli studenti in libreria: tutti sono invitati a diventare "messaggeri" e a regalare un libro destinato alla biblioteca scolastica degli istituti aderenti.

• Venerdì 4 novembre 2016, ore 17,15: "Attori-Lettori. Una sera con..." Isa Danieli. L'attrice si racconta al pubblico in libreria (ore 17,15), prima dello spettacolo in scena al Teatro Garibaldi "Serata d'amore" (ore 21).

• Giovedì 10 novembre 2016, ore 18: "Scrittori in carta e ossa. Una sera con..." il fotografo e "camminatore" Andrea Vismara, autore del libro "La mia francigena" (Edizioni dei Cammini) e del romanzo "Iddu" (Edizioni Spartaco).

• Venerdì 25 novembre 2016, ore 18: " Note a piè di pagina. Una sera con..." il musicista Joe Vescovi, autore del libro "Anatomia di un pensiero blues".

 

Santa Maria C. V.: una sera con "Lolita" di Nabokov alla libreria Spartaco

Pubblicato in Cultura
Lunedì, 18 Luglio 2016 13:16

Ultima tappa, prima delle vacanze, per il ciclo di incontri "Matti per i classici" nella Libreria Spartaco di via Martucci 18 a Santa Maria Capua Vetere (Ce). Domani martedì 19 luglio 2016, alle ore 19, gli amanti della letteratura più bella di tutti i tempi s'incontreranno per parlare di "Lolita", capolavoro di Vladimir Vladimirovič Nabokov. Sarà inoltre l'occasione per scegliere il "classico" da leggere durante le ferie. Un appuntamento da non perdere per condividere l'amore per i libri.

"Lolita"

Il romanzo narra la storia di un insegnante quarantenne di letteratura francese, Humbert Humbert, che decide di trasferirsi nella piccola città di Ramsdale in New England. Dopo aver affittato una stanza presso la vedova Charlotte Haze, arriva l'incontro della sua vita con la figlia dodicenne Dolores (chiamata anche Lo, Lola o Dolly). Si invaghisce perdutamente della ragazzina che le ricorda il suo primo amore adolescenziale purtroppo scomparso prematuramente, la bella Annabelle.

Durante la permanenza di Dolores in un campo estivo, la mamma Charlotte si innamora di Humbert e si dichiara all'uomo. Quest'ultimo decide di convolare a nozze con Charlotte con il solo scopo di impossessarsi anima e corpo della sua bella figlia Lolita. La madre viene in seguito a scoprire le vere intenzioni dell'uomo da un suo diario personale e, delusa, lo minaccia di esporlo ad un pubblico scandalo come "detestabile, abominevole, criminale e bugiardo".

Ma purtroppo Charlotte è colpita da un tragico destino. Mentre si accinge ad attraversare la strada, trovandosi in stato di evidente shock, viene investita e uccisa da un'automobile. Per l'uomo ora la via è completamente libera da ogni ostacolo per vivere a pieno il suo sentimento morboso nei confronti di Lolita. Egli va a prendere la ragazza, che si trova in campeggio; successivamente le rivela della morte della mamma e la invita ad accettarlo come suo patrigno e affidatario. Così, per due anni, tiene prigioniera Lolita e la costringe a diventare la sua amante.

Per info: Libreria Spartaco tel. 0823 797063

 

Pagina 1 di 3

Salute e Benessere

Moda e Tendenze

Cerco Lavoro

da queste pARTI

JoomShaper