Festival “Di Maschera in Maschera”, a Capua dal 28 al 30 settembre

0

CAPUA – Al via l’ottava edizione del festival “DI MASCHERA IN MASCHERA”, la rassegna di spettacoli ed eventi che a Capua, dal 28 al 30 settembre, sarà vetrina più importante del Centro Studi per la diffusione e la promozione della Maschera Teatrale in Campania.

Obiettivo del Centro Studi, infatti, è proprio quella di indagare e valorizzare la tradizione della Maschera Teatrale soprattutto in Terra di Lavoro, lì dove affondano le radici storiche sia della Fabula Atellana che della Commedia dell’Arte.

Il Festival “DI MASCHERA IN MASCHERA”, ideato e diretto da Maurizio Azzurro e organizzato dalla Compagnia La Mansarda – Teatro dell’Orco, é nato a Capua nel 2009 per celebrare il quattrocentesimo anniversario dell’introduzione in scena della Maschera di Pulcinella ad opera del capuano Silvio Fiorillo.

Una rassegna di eccellenza che si rinnova da otto edizioni e che non soltanto ha visto l’avvicendarsi di docenti di fama internazionale come Michele Monetta, Claudia Contin e Ferruccio Merisi, Adriano Jurissevich, Gennadi Nikolai Bogdanov e Carlo Boso, ma si è anche avvalsa di collaborazioni prestigiose come quella con il Piccolo Teatro di Milano con la presenza dei maestri Ferruccio Soleri, Enrico Bonavera e Tommaso Minniti.

Quest’anno il direttore artistico Maurizio Azzurro ha coinvolto il professore Francesco Cotticelli, docente di Discipline dello Spettacolo al Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università “Federico II” di Napoli. Una presenza di prestigio in occasione del ventennale della scomparsa del professore Franco Carmelo Greco, alla cui memoria il festival è intitolato, e di cui il professore Cotticelli era allievo e oggi ne occupa la cattedra.

E così il 28 settembre alle 18.30 nella chiesa della Carità di Capua il professore Cotticelli terrà una conferenza, ad ingresso gratuito, sugli “Gli scenari di Casamarciano: invenzione e memoria”.

Il 30 settembre, invece, alle 21 il sipario dello storico Teatro Ricciardi di Capua si alzerà sulla ”Commedia di Arlecchino e Pulcinella a Venezia”, spettacolo del Teatro Potlach di Fara Sabina, interpretato da Claudio De Maglio e Nathalie Mentha con la regia di Pino di Buduo e Claudio De Maglio. Dieci euro il prezzo del biglietto per adulti e ridotto a 6 euro per i bambini.

Sempre il Teatro Ricciardi, nei giorni del festival ossia dal 28 al 30 settembre, ospiterà il workshop di Commedia dell’Arte condotto dal maestro Claudio De Maglio dell’Accademia “Nico Pepe” di Udine.

Share.