Prodotti che diventano identità

0

Normalmente le denominazioni delle strade ricordano eroi, personaggi, citazioni illustri, in piccoli comuni come quello di Squille (Ce) sono invece le strade a finire sulle etichette di prodotti tipici locali.

E’ appunto quanto accaduto nella piccola cittadina dell’alto casertano, un’emergente tenuta locale ha scelto di battezzare il proprio prodotto con l’appellativo di due strade importanti del territorio: via Cesarelle e via Monticelli. Principalmente la scelta è stata dettata dalla posizione dei vigneti che si trovano per l’appunto nei pressi di queste due stradine.

La storia ci rimanda ai tempi della famiglia Borbone, amante del Pallagrello, che possedeva in quel di Monticello, a Piedimonte Matese, un vigneto di 27 moggi al quale erano estremamente affezionati a tal punto da impostare una tassa di 50 denari a tutti coloro che provassero ad avvicinarsi. Lo stesso Ferdinando IV di Borbone riservò a questa produzione anche un posto di privilegio per la sua Vigna del Ventaglio, nota appunto per la sua struttura a forma di ventaglio, divisa in 10 settori ognuno contenente un tipo di coltivazione differente di uva.

E’ una bella iniziativa valorizzare i propri prodotti in modo strettamente legato al territorio di appartenenza.

 

Vincenzo Sivo

 

 

Share.