Super User

Super User

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat.

PIEDIMONTE MATESE - Dopo aver annunciato la volontà a prendere le distanze da un concetto di "primarie" che di fatto non permetterebbe un vero e proprio rinnovamento, il medico matesino Fabio Civitillo e la sua squadra guardano al futuro. "Le primarie, - ha precisato Civitillo – non si sono poste l'obiettivo di misurarsi con la necessità di proporre candidati e idee di profondo rinnovamento, indispensabili per Piedimonte Matese". Una nuova proposta politica e amministrativa quella a cui ha pensato il candidato sindaco Fabio Civitillo e la squadra di sostenitori che sin dall'inizio hanno avuto le idee ben chiare in merito ad un progetto di totale rinnovamento.
In attesa dei prossimi e decisivi passi, quali l'annuncio del nome della compagine politica che racchiuderà validi professionisti e l'inaugurazione della sede elettorale che diventerà il quartier generale degli aspiranti amministratori piedimontesi, già si lavora alle linee guida di un programma per la cui stesura ci sarà la partecipazione attiva di diverse professionalità.
"Vogliamo innanzitutto ascoltare i cittadini. Amministrare oggi la cosa pubblica richiede una dedizione particolare. Servire il bene comune e risollevare le sorti di Piedimonte Matese, anche. Noi siamo pronti. La nostra discesa in campo è nata, già da qualche mese, da un punto fermo: portare avanti un vero discorso di rigenerazione nel panorama amministrativo piedimontese. Il nostro impegno si muove nell'ambito di un consolidato mettersi in gioco con forze nuove della società ma collocate in un chiaro schieramento di centrosinistra. Piedimonte Matese in questo momento ha bisogno di abbandonare vecchie abitudini e di guardare avanti, non trascurando innanzitutto la situazione finanziaria in cui versa l'Ente. Per fare questo abbiamo bisogno di nuovi entusiasmi e di nuove competenze". A dichiararlo l'aspirante sindaco Fabio Civitillo.

"L'Unione Europea rappresenta una grande opportunità per costruire un nuovo modello di sviluppo, una prospettiva che parta dal presente e, grazie alla forza e all'entusiasmo dei giovani, guardi al futuro con rinnovata fiducia". Così si è espresso il sindaco di Caserta, Carlo Marino, nell'intervento che ha aperto l'evento "Una Europa, Mille Risorse", svoltosi presso la Sala Consiliare del Comune e organizzato dall'assessorato alle Politiche Comunitarie. Accanto al primo cittadino, l'assessore Vincenzo Girfatti, che ha organizzato l'evento in collaborazione con l'Agenzia delle Entrate, il Centro "Europe Direct" dell'Asi Caserta, l'Unione Giovani Commercialisti di Caserta. Davanti ad una folta platea, composta in gran parte da studenti delle scuole superiori, il convegno è stata un'ottima opportunità per dare informazioni ai presenti sui temi delle politiche economiche, fiscali e monetarie nell'Unione Europea.
Accanto al sindaco Marino e all'assessore Girfatti sono intervenuti Fernando Del Rosso, vicepresidente dell'Unione Giovani Dottori Commercialisti ed esperti contabili di Caserta, Francesco Spaziante, della Direzione Centrale Normativa – Settore Fiscalità Internazionale dell'Agenzia delle Entrate, ed Elisabetta Leone, responsabile del Centro "Europe Direct" dell'Asi Caserta.
"Non dobbiamo mai dimenticare – ha aggiunto il sindaco Marino – che i giovani non devono rappresentare solo il futuro ma anche il presente della nostra società, la classe dirigente del nostro Paese, puntando a mantenere una visione e una mentalità europee".
"Quello di oggi – ha dichiarato l'assessore alle Politiche Comunitarie, Vincenzo Girfatti – è il primo evento di questo assessorato, che rappresenta una assoluta novità per la città di Caserta. L'Amministrazione ha inteso puntare sull'importanza delle opportunità fornite dall'Unione Europea, in termini di finanziamenti e di progetti. Con l'appuntamento odierno abbiamo inteso dare il via ad un'attività di sensibilizzazione e informazione sui temi oggetto del convegno, che riteniamo di importanza strategica per lo sviluppo del territorio".

CALVI RISORTA - La rete Archeocales è lieta di riproporre il 1 Maggio a Cales, una giornata all'insegna non solo della cultura, ma anche della natura, del divertimento e della buona tavola.

La formula è sempre la stessa: ciascuno, in libertà, porta qualcosa da mangiare da condividere con gli altri. Balli, canti, giochi e la buona musica faranno da sfondo e ci accompagneranno per tutta la giornata.
Chi ha voglia di cantare, ballare, recitare, giocare, sorridere è nostro amico e amico di Cales e lo aspettiamo a braccia aperte. Inoltre, come lo scorso anno, saranno organizzate delle visite guidate alla città antica e, in particolar modo alle terme centrali e al teatro romani, gentilmente messo a disposizione dall'ufficio di sovrintendenza.
VISITE GUIDATE ALLE TERME CENTRALI E AL TEATRO ROMANO ALLE ORE 10.30 (luogo di incontro Area Pic Nic | Cattedrale di San Casto).

Ricordiamo a tutti che è responsabilità propria e corretta abitudine:
1. tenere puliti i luoghi ove si svolgerà il pic nic (per l'occasione saranno installati dei contenitori per l'immondizia).
2. Procurarsi tavoli, sedie o coperte per avere un comodo punto di appoggio.
3. Accendere fuochi solo con barbecue o simili; è vietato accendere fuochi a terra.

Anche San Potito Sannitico avrà il suo Concerto del 1 maggio

Pubblicato in Eventi
Venerdì, 28 Aprile 2017 07:58

SAN POTITO SANNITICO – Primo maggio di musica no stop a San Potito Sannitico. Anche Piazza della Vittoria a San Potito Sannitico avrà il suo concerto dell'1 maggio a cominciare dalle ore 18:00 fino a notte inoltrata. Un'idea del bar Clafed Cafè che per l'occasione ha messo insieme una serie di artisti locali che si esibiranno uno dopo l'altro proprio come tradizione vuole. Si esibiranno: Quei tipi del Sol; Hold Generation; P & P Acustic duo; Rolling Thunder - ACDC Tribute e per concludere la serata ci sarà l'esibizione del Duo Acoustic con Puccio Chiariello e Pasquale Riccio. "Oltre a tanta buona musica – assicurano gli organizzatori - vi proponiamo la soluzione Food Drink con Pizza in Piazza, Succulenti Panini alla piastra e meravigliosi cocktail e fiumi di birra".

Dati positivi che spiazzano i pregiudizi. Si tratta di un buon risultato quello che si evince dai dati sulla balneabilità del litorale casertano forniti dall'ARPAC per il 2017. La Mappa Interattiva che ha pubblicato l'ARPAC (CLICCA QUI), infatti, parlano chiaro: il litorale casertano è quasi interamente balneabile. La classificazione delle sue acque è eccellente e in solo 4 punti le rilevazioni hanno riscontrato una non balneazione o il consiglio alla non balneazione (Pineta Grande Sud, Villaggio Agricolo a Castel Volturno; Sud Fiume Garigliano e Nord macchine vecchie a Sessa Aurunca).

GIOIA SANNITICA – Un Consiglio Comunale ricco di argomenti quello che si è svolto il 24 aprile, presso la sede provvisoria del Municipio a Calvisi. Si è votato il Regolamento comunale sui controlli interni del 2' semestre 2015 e del 1' e 2' semestre 2016. Poi subito ai voti la conferma delle aliquote TARI, IRPEF, TASI e IMU per il 2017: tutte la tariffe sono rimaste invariate e alcune sono state abbassate, come ha illustrato in seguito il sindaco stesso. Ha votato contro solo l'opposizione capeggiata da Giuseppe Gaetano.
Si è votato, poi, il recesso dal Progetto Laocoonte, dopo l'invito a recedere che i Comuni che ne facevano parte hanno recepito a fronte di un documento che chiarisce il non più auspicabile il prosieguo. Perplessità da parte del consigliere Mario Fiorillo che ha chiesto di approfondire le motivazioni dell'uscita visto che il Comune di Gioia Sannitica partecipò alla cooperativa versando una quota pari a 4.950euro.
E' stata la volta, poi, del programma triennale dei lavori pubblici illustrato dall'assessore al ramo Luigi Marra, il quale ha evidenziato al Consiglio le priorità dei lavori a farsi elencando le progettazioni messe in campo.
E subito al Bilancio di previsione 2017/2019, illustrato con delle slide e dunque degli schemi semplificati per rendere meno ostica la materia dal sindaco Michelangelo Raccio. Premesso che ormai le possibilità di manovra per gli Enti Pubblici sono strettissime, sono stati focalizzati i punti salienti delle spese in entrata e in uscita soffermando l'attenzione su alcuni dati che risultano essere significativi per capire il funzionamento della macchina comunale. Uno tra questi è quello che accerta che il 95% delle entrate comunali non derivano dal governo centrale ma dai cittadini. "Ogni cittadino versa al Comune ogni anno, in media, circa 350 euro, - ha precisato Raccio - mentre dallo Stato centrale provengono solo 40 euro a cittadino"; inoltre è stato messo in evidenza l'importanza di alcune poste di bilancio ai fini della ristrutturazione del debito accumulato dal comune fino al 2013, e il peso che alcune specifiche voci di spesa rivestono all'interno del bilancio: costi di illuminazione e costi della rete idrica.
Due le novità fondamentali, emerse dalla disamina del Bilancio di previsione: lo scuolabus gratuito per tutti e un abbassamento del 10% per quanto concerne l'approvvigionamento idrico per le seguenti categorie: agricoltori, allevatori, attività artigiane e attività commerciali al fine di stimolare lo sviluppo locale attraverso l'utilizzo dello sgravio di queste imprese.
Bilancio non votato dal gruppo di opposizione in quanto a detta del capogruppo Giuseppe Gaetano: "manca un concetto di sviluppo, si pensa solo al cemento". Raccio ha risposto utilizzando il famoso esempio della locomotiva e dell'America (dietro la locomotiva che sbuffava da est ad ovest nasceva lo sviluppo economico della più grande potenza della terra), volendo con questo significare che qualsiasi sviluppo economico può essere effettuato solo con la presenza di infrastrutture in grado di consentirlo e di accogliere eventuali turisti e rendere attrattivo un territorio (strade, rete idrica, rete fognaria, abbellimento dei borghi, come Caselle, ecc), e invitando lo stesso consigliere a leggere il primo capitolo del suo libro "i territori di Gioia Sannitica", dove avrebbe potuto trovare qualche spunto di riflessione. Astenuto invece il consigliere Mario Fiorillo che ha lamentato alcune incongruenze con le sue aspettative circa la realizzazione di un canile municipale di cui egli stesso si era fatto promotore nel passato.
Il sindaco ha dichiarato, alla fine del consiglio, durato ben due ore e mezza: "ho voluto illustrare il bilancio al consesso consiliare in forma semplificata al fine di evidenziare l'importanza di alcune poste di spesa e di entrata rendendo consapevoli tutti i consiglieri dell'importanza di questo strumento. Le stime utilizzate nella redazione di questo bilancio sono state volutamente prudenziali, al fine di tenere i conti pubblici all' interno di un quadro di sostenibilità durevole nel tempo".

GIOIA SANNITICA - Consiglio Comunale in programma per oggi, lunedì 24 aprile, alle ore 20:00 a Calvisi, sede provvisoria del Municipio.
Un Consiglio Comunale che tratterà due, fondamentali, argomenti: la riduzione delle tariffe dell'acqua per tutte le attività produttive, al fine di dare sostegno alla categoria e nel contempo una spinta allo sviluppo economico del territorio gioiese, rappresentato per buona parte da attività agricole e di allevamento; scuolabus gratuito per tutti gli alunni. Queste le novità preannunciate dal sindaco Michelangelo Raccio che per l'occasione porterà ai voti il bilancio di previsione 2017.

RECALE - "Abbiamo protocollato la richiesta per un'adunanza pubblica per discutere dell'impianto per il trattamento dei rifiuti organici a Ponteselice. Un incontro plurale, con il coinvolgimento di forze politiche, sociali ed ambientaliste. Recale diventi protagonista del proprio destino e non subisca passivamente le decisioni prese da altri". Così il candidato sindaco di "Recale Domani" Antimo Argenziano dopo aver depositato formalmente la richiesta di adunanza pubblica insieme al consigliere comunale Ciro Rossi, anch'egli della squadra di Recale Domani.

Nella richiesta viene ripercorsa la vicenda dalla delibera della Giunta del Comune di Caserta con la quale si dispone la realizzazione di un impianto "per il recupero e la valorizzazione energetica della sola frazione umida dei rifiuti con produzione di energia da biogas ed ammendante agricolo", da fare in zona Ponteselice proprio a due passi dal centro abitato di Recale. "Noi non intendiamo creare allarmismo – prosegue Argenziano – Ma vogliamo che i cittadini sappiano la verità su una questione estremamente delicata. Sull'argomento sono intervenuti diversi consiglieri comunali di Caserta, forze partitiche, ambientaliste e sociali ed i Sindaci del comune di San Nicola La Strada e Casagiove ma si è registrato anche l'assordante silenzio del Sindaco di Recale. Vorremmo discuterne con il sindaco e con i consiglieri comunali della nostra città ma anche coinvolgere nella trattazione di una questione così delicata il presidente della Commissione Ambiente della Regione Campania Gennaro Oliviero, il presidente della Commissione Terra dei Fuochi della Regione Campania Gianpiero Zinzi, il Sindaco di Caserta Carlo Marino, i Sindaci del Comune di San Nicola La Strada e Casagiove Vito Marotta e Roberto Corsale, il commissario dei Verdi Edgardo Ursomando".

Finalità dell'incontro quella di fare chiarezza su un argomento che interessa la salute dei cittadini; far convergere le forze politiche, sociali ed ambientali sulla stessa posizione di diniego verso la localizzazione presso Ponteselice dell'impianto per individuare una zona lontana da centri abitati e di interesse storico e architettonico; creare una commissione ad hoc coinvolgendo consiglieri comunali, forze partitiche ed associazioni ambientaliste del territorio che possa seguire la problematica. "Recale ha il diritto di partecipare a simili decisioni – conclude Argenziano – Il diritto di scegliere il proprio futuro".

Sabato 22 aprile 2017 sarà presentato il restauro del ciclo pittorico della Chiesa di Santa Maria a Marciano, ricostruita con i caratteri dello stile gotico angioino agli inizi del Trecento nel medesimo luogo ove sorgeva l'antica chiesa Eccl. Maria et Eccl. Ianuarius in Marcianu, menzionata già nel 979.
Gli affreschi , frutto dell'influenza esercitata dai grandi pittori fiorentini e senesi sull'arte meridionale, sono databili tra l'inizio del XIV e la fine del XV secolo.
L'intervento di restauro finanziato dal Programma di Sviluppo Rurale della Campania 2007/2013 Misura 323 "Sviluppo, tutela e riqualificazionedel patrimonio rurale" mirato al consolidamento e protezione delle pareti affrescate ha consentito di recuperare la piena percezione delle immagini fornendo nuovi interessanti particolari.
Per l'occasione sarà presentata la pubblicazione per una nuova lettura iconografica degli affreschi, che evidenzia l'impegno e la passione profusa da Don Giulio Farina, dalle istituzioni e dai tecnici tutti, nel portare a termine il delicato intervento di riappropriazione di preziose pagine di arte, dal duplice valore identitario: quello riconducibile alla fede cristiana abbinato all'indissolubile rapporto tra comunità insediata e complesso religioso.
Per la prima volta verranno esposte nella chiesa le reliquie, provenienti dalla Cattedrale di Caiazzo, di San Luca Evangelista a cui sono dedicati gli affreschi della cappella laterale destra, datati 1334.
All'incontro prenderanno parte il Vescovo della Diocesi di Alife Caiazzo, i presidente del GAL Alto Casertano, della Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio per le province di Caserta e Benevento e della Facoltà di Lettere della Seconda Università di Napoli, oltre ai tecnici e restauratori.
La manifestazione prevede anche un momento di degustazione di prodotti tipici del territorio.

PROGRAMMA PRESENTAZIONE DEI RESTAURI
Piana di Monte Verna, Eremo di Santa Maria a Marciano
22 aprile 2017, ore 17.00

Intervengono:
S.E. Mons. Valentino Di Cerbo - Vescovo della Diocesi di Alife-Caiazzo
Giustino Castellano – Sindaco di Piana di Monte Verna
Don Giulio Farina – Parroco di Piana di Monte Verna
Ercole De Cesare – Presidente GAL Alto Casertano
Sandra Perriccioli Saggese - docente di Storia dell'arte medievale presso la Facoltà di Lettere della Seconda Università di Napoli
Massimiliano Sampaolesi – Giovanna Izzo Restauri s.a.s.
Amalia Gioia – Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Caserta e Benevento
Rosolena Maresca, Nunzia Cecere, Angela D'Agostino – autrici di La Chiesa di Santa Maria a Marciano.Gli affreschi svelati

LE RADICI DELLA FEDE - Alla Sua presenza... Pasqua

Pubblicato in Cultura
Domenica, 16 Aprile 2017 08:30

Domenica 16 Aprile 2017
Pasqua del Signore, Anno A.

+ Dal Vangelo secondo Giovanni Forma breve: (Gv 20,1-9)

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro.
Corse allora e andò da Simon Pietro e dall'altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l'hanno posto!».
Pietro allora uscì insieme all'altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l'altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.
Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.
Allora entrò anche l'altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti.

Condividere la Parola...
"In Cristo Risorto tutta la vita risorge" (Prefazio Pasquale II).
Nell'accompagnare Gesù nell'ultima settimana di vita, abbiamo rivissuto la sua passione e ci troviamo oggi a vivere con lui l'evento straordinario della sua risurrezione descritto dal Vangelo di oggi con la bella corsa di Pietro e Giovanni: corrono perché non hanno più paura di gridare che la tomba dove era stato posto Gesù è vuota, che quell'uomo è veramente Risorto, che Gesù è il vero Messia !
Se Gesù è risorto vuol dire che è vivo ed è in mezzo a noi. Se Gesù è risorto il nostro cuore non può non riempirsi di gioia, la Gioia vera, se Gesù è risorto vuol dire che lo possiamo incontrare qui ed ora nel nostro quotidiano!
L'invito che ci viene dalla resurrezione è a cercare le cose di Dio, non chissà dove, dentro di noi, nel nostro cuore! È lì che si compie il vero incontro, così da poter gridare:
il Signore è risorto e noi con Lui!
Buona Pasqua a tutti nella speranza che doni tanta pace ai nostri cuori e al mondo intero!

Salute e Benessere

Moda e Tendenze

da queste pARTI

JoomShaper